Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

CIRCOLARE DELL’AMMINISTRAZIONE CENTRALE DELLE ASSICURAZIONI SULLE QUOTE PER L’ASSICURAZIONE SOCIALE

 

del 27 gennaio 1957, n. 3 «PZ»

 

1.- Le organizzazioni e le confessioni religiose e le loro istituzioni, come pure gli istituti di lavoro da esse dipendenti, pagano le quote per l’assicurazione sociale, a decorrere dal 1° gennaio 1957, per un importo del 15,5% sulle retribuzioni.

2.- Bisogna render noto alle organizzazioni, di cui al punto 1, il mutamento della quota per l’assicurazione sociale, con una lettera del seguente tenore: «Rendiamo noto che secondo la lettera circolare dell’Amministrazione centrale delle assicurazioni sociali n. 3 del 27 gennaio 1957, le quote per l’assicurazione degli impiegati (segue il nome dell’istituzione) vanno calcolate per un importo del 15,5% sulla retribuzione degli impiegati, a decorrere dalle retribuzioni del mese di gennaio 1957 ».

3. - I conti delle confessioni religiose e delle istituzioni da esse dirette rimangono nel « gruppo 2 » degli istituti di lavoro.

4. - Sui conti delle confessioni religiose e delle istituzioni da esse dirette bisogna calcolare gli interessi, e non le aggiunte per ritardo.

5. - La presente circolare non riguarda:

a) l’associazione « Charitas » e le istituzioni da essa dirette;

b) il centro di produzione e di commercio degli oggetti di devozione «Ars Christiana»;

c) l’associazione «Pax» e le sue filiali: « Inco », « Veritas », « Slow Powszechne»;

d) l’associazione degli Amici dell’Università Cattolica di Lublino

 

©GB FB

Trascina file per caricare