Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

COMMISSION REGULATION (EEC) No 752/93

of 30 March 1993

laying down provisions for the implementation of Council Regulation (EEC) No

3911/92 on the export of cultural goods

 

THE COMMISSION OF THE EUROPEAN COMMUNITIES,

Having regard to the Treaty establishing the European Economie Community,

Having regard to Council Regulation (EEC) No 3911/92 of 9 December 1992 (1) on the export of cultural goods, and in particular Article 7 thereof,

After consulting the Advisory Committee on Cultural Goods,

Whereas it is necessary to adopt provisions for the imple­ mentation of Regulation (EEC) No 3911/92, which provides, inter alia, for the establishment of an export licensing system for certain categories of cultural goods defined in the Annex to that Regulation ;

Whereas in order to ensure that the export licences provided for by the said Regulation are uniform it is necessary to lay down rules governing the drawing up, issuing and use of the form ; whereas to that end a specimen licence should be drawn up ;

Whereas export licences must be made out in one of the official languages of the Community,

 

HAS ADOPTED THIS REGULATION:

 

SECTION I

Form of licence

 

Article 1

  1. Licences for the export of cultura) goods shall be made out on a form conforming to the specimen shown in the Annex hereto.

Export licences shall be issued and used in accordance with Regulation (EEC) No 3911/92, hereinafter referred to as 'the basic Regulation', and with this implem.enting Regulation.

  1. Use of the export licence shall in no way affect obligations connected with export formalities or related documents.

 

Article 2

Export licence forms shall be provided on request by the competent authority or authorities referred to in Article 2 (2) of the basic Regulation.

 

Article 3

  1. The form shall be printed on white paper without mechanical pulp, dressed for writing purposes and weighing not less than 55 grams per square metre.
  2. Forms shall measure 210 x 297 mm.
  3. Forms shall be printed and filled out in an official language of the Communities designated by the compe­ tent authorities of the issuing Member State. The compe­ tent authorities of the Member State in which the form is presented may ask for it to be translated into the language, or one of the official languages, of that Member State. In this case, the translation costs shall be met by the licence holder.
  4. Member States shall be responsible:

- for having the forms printed, bearing the printer's name and address or identifyi,ng mark,

- for taking any measure necessary in order to avoid the forging of forms. The means of identification adopted by Member States for this purpose shall be notified to the Commission, for communication to the compe­ tent authorities of the other Member States.

  1. 5. Forms shall preferably be filled in by mechanical or electronic means. However, the application may be filled in legibly by hand ; in the latter case it shall be written in ink and in block capitals. Whatever the process used, forms shall not contain erasures, overwritten words or other

 

SECTION II

Use of licences

 

Article 4

  1. Without prejudice to paragraph 3, a separate export' licence shall be issued for each consignment of cultural goods.
  2. For the purposes of paragraph l a consignment shall inean either a single cultural object of a number of cultural objects.
  3. Where a consignment comprises of a number of cultural objects, it is for the competent authorities to determine whether one or several export licences should be issued for the consignment in question.

 

Article 5

The form shall comprise three sheets:

- one sheet, marked as No l, which shall constitute the application,

- one sheet, marked as No 2, for the holder,

- one sheet, marked as No 3, which shall be returned to the issuing authority.

 

Article 6

  1. The applicant shall complete boxes l, 3 to 19 A and 21 and, if necessary, . 23 of the applicaiton and the other sheets. However, Member States may provide that only the application need be completed.
  2. The application shall be accompanied by:

- documentation providing ali relevant information on the cultura! object(s) and its (their) legai status at the time when the application is made, by means of any supporting documents (invoices, expert appraisals etc). where appropriate,

- a duly authenticated photograph or, where appropriate and at the discretion of the competent authorities, photographs in black and white or in colour (measu­ ring at least 8 cm by 12 cm) of the cultura!goods in question.

This requirement may be replaced, where appropriate and at the discretion of the competent authorities, by a detailed list of the cultural goods.

  1. The competent authorities may require, for the purposes of issuing an export licence, the physical presen­ tation of the cultura! goods to be exported.
  2. Any costs incurred by the application of paragraphs 2 and 3 shall be met by the applicant requesting the export licence.
  3. In order that an export licence may be granted, the duly completed form shall be presented to the competent authorities designated by the Member States pursuant to Article 2 (2) of the basic Regulation. When the authority has granted the export licence, copy l shall be kept by that authority and the remaining copies shall be returned to the holder of the export licence or to his authorized representative.

 

Article 7

The following shall be presented in support of the export declaration :

- the sheet for the holder,

- the sheet to be returned to the iss ing

 

Article 8

  1. The customs office authorized to accept the export declaration shall ensure that the items of information given on the export declaration are in conformity with those given on the export licence and that reference is made to that licence in box 44 of the export declaration.

It shall take suitable measures for identification purposes. The measures may consist in the affixation of a seal or stamp of the customs office. The export licence form, a copy of which is attached to sheet 3 of the single admi­ nistrative document, shall be returned to the issuing authority.

  1. Mter completing box 19B the customs office authorized to accept the export declaration shall retum to the dedarant or to his authorized representative the sheet intended for the holder.
  2. The authorization form, which shall be retumed to the issuing authority, must accompany the consignment to the customs office at the point of exit from the Community. The customs office shall, if necessary, fili in box 5 of the form and affix its stamp to box 22, and return it to the holder of the export, licence or his autho­ rized representative in order that the form may be sent back to the issuing authority.

 

Article 9

  1. The period of validity of export licences shall not exceed twelve months from the date of issue.
  2. In the case of an application for temporary exporta­ tion, the competent authorities may specify the time limit wìthìn which the cultura!goods must be reimported into the issuìng Member State.
  3. Where an export licence expires without having been used, the holder shall immediately return to the ìssuing authority the sheets in his possession.

 

Article 10

The proVtslons of Title IX of Commission Regulatìon (EEC) No 1214/92 (2) and Article 22 (6) of Appendix I to the Convention on a common transit procedure concluded on 20 May 1987 (3) between the Community and the EFTA countries shall apply when goods covered by this Regulation pass through the territory of an EFTA country in the course of their movement within the Community.

 

Article 11

This Regulation shall enter into force on l April 1993.

 

Done at Brussels, 30 March 1993.

 

Por the Commission

 Christiane SCRIVENER

Member of the Commission

 

 

(1) OJ No L 395, 31. 12. 1992, Pl.

(2) OJ No L 132, 16. 5. 1992, p. l.

(3) OJ No L 226, 13. 8. 1987, p. 2, as amended by Decision No 1/91 of the :EEC-EFTA Joint Committee on Common Transit of 19 September 1991, (OJ No L 402, 31. 12. 1992). This Regulation shall be binding in its entirety and directly applicable in ali Member States.

1a 1b 1c 1d 1e 1f

REGOLAMENTO (CEE) N. 752/93 DELLA COMMISSIONE

del 30 marzo 1993

 

recante disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio relativo all'esportazione di beni culturali

 

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE,

visto il Trattato che istituisce la Comunità economica europea,

visto il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992 (1), relativo all'esportazione di beni culturali, in particolare l'articolo 7,

dopo aver consultato il comitato consultivo per beni culturali,

considerando che è opportuno adottare le disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 3911/92 relativo all'esportazione dei beni culturali che prevede, in particolare, l'introduzione di un sistema di autorizzazioni di esportazione per talune categorie di beni culturali indicate nell'allegato del. predetto regolamento;

considerando che per garantire l'uniformità del formulario sù cui va redatta l'autorizzazione di esportazione prevista dal predetto regolamento occorre definirne le condizioni di compilazione, rilascio e utilizzazione; che a tal fine occorre stabilire il modello di tale autorizzazione;

considerando che l'autorizzazione di esportazione deve essere redatta in una delle lingue uffiCiali della Comunità,

 

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

 

SEZIONE I

Formulario

 

Articolo 1

  1. Il formulario su cui va redatta la licenza di esportazione di beni culturali deve essere conforme al modello contenuto nell'allegato.

La licenza di esportazione è rilasciata e utilizzata a norma del regolamento (CEE) n. 3911/9.2, in prosieguo denominato « regolamento di base •, e del presente regolamento.

  1. La sua utilizzazione lascia impregiudicati gli obblighi inerenti alle formalità di esportazione e di riesportazione ed ai relativi documenti.

 

Articolo 2

Il formulario della licenza di ·esportazione è fornito, su richiesta, dalla(le) autorità competente(i) di cui all'articolo 2, paragrafo 2 del regolamento di base.

 

Articolo 3

  1. La carta da usare per il formulario dev'essere priva di paste meccaniche, di colore bianco, collata per scritture, ed avere un peso minimo di 55 g/m2.
  2. Il formato dei formulari è di 210 mm x 297 mm.
  3. I formulari sono stampati e compilati in una delle lingue ufficiali della Comunità designata dall'autorità competente dello Stato membro emittente. L'autorità competente dello Stato membro in cui viene presentato il formulario può chiederne la traduzione nella lingua o in una delle lingue ufficiali di tale Stato. In questo caso, le eventuali spese di traduzione sono a carico del titolare della licenza.
  4. Spetta agli Stati membri:

- stampare o far stampare il formulario che deve recare il nome e l'indirizzo del tipografo o un contrassegno che ne consenta l'identificazione, ·

- prendere le disposizioni necessarie al fine di evitare la falsificazione del formulario. Le informazioni sui mezzi di identificazione applicati a tale scopo dagli Stati membri sono trasmesse ai servizi della Commissione per essere comunicate alle autorità competenti degli altri Stati membri.

  1. Il formulario deve essere compilato preferibilmente mediante un procedimento meccanico od elettronico. Il formulario di domanda può tuttavia essere compilato a mano, in modo leggibile; in quest'ultimo caso, deve essere compilato con inchiostro e in stampatello. Indipendentemente dal procedimento utilizzato non deve contenere né raschiature, né aggiunte, né altre alterazioni.

 

SEZIONE II

Utilizzazione del formulario

 

Articolo 4

  1. Salvo il paragrafo 3, per ciascuna spedizione di beni culturali è rilasciata una licenza d'esportazione distinta.
  2. Ai sensi del paragrafo l, la spedizione può riguardare un unico bene culturale o più beni culturali.
  3. Quando la spedizione è composta da più beni culturali, spetta alle autorità competenti determinare se sia opportuno rilasciare una o più licenze di esportazione per la spedizione stessa.

 

Articolo 5

Il formulario consta di tre esemplari:

- I'esemplare, che costituisce la domanda, recante il numero l;

- l'esemplare, destinato al titolare, recante il numero 2;

- l'esemplare destinato ad essere rispedito all'autorità emittente, recante il numero 3.

 

Articolo 6

  1. Il richiedente compila le caselle l, da 3 a 19A, 21 e, se del caso, 23 della domanda e degli altri esemplari. Gli Stati membri possono tuttavia disporre che venga compilata unicamente la domanda.
  2. Alla domanda devono essere accluse:

- una documentazione contenente tutte le informazioni utili sui beni culturali e sulla loro posizione giuridica al momento della domanda nonché, se del caso, i documenti giustificativi (fatture, perizie, ecc.);

- una fotografia o, secondo il caso, e secondo l’apprezzamento dell'autorità competente, più fotografie debitamente autenticate, in bianco e nero o a colori, dei beni culturali considerati (formato minimo 8 cm x 12 cm).

Tale requisito può essere sostituito, secondo il caso e secondo l'apprezzamento dell'autorità competente, da un elenco particolareggiato dei beni culturali.

  1. Le autorità competenti possono, ai fini del rilascio della licenza di esportazione, esigere la presentazione materiale dei beni culturali da esportare.
  2. Le spese inerenti all'applicazione dei paragrafi 2 e 3 spettano al richiedente la licenza di esportazione.
  3. Il formulario, debitamente compilato, va presentato, ai fini del rilascio della licenza di esportazione, all'autorità competente designata dallo Stato membro a norma dell'articolo 2, paragrafo 2 del regolamento di base. Quando detta autorità autorizza l'esportazione, essa conserva l'esemplare n. l del formulario e restituisce gli altri esemplari al richiedente, che diviene titolare della licenza, ovvero al suo rappresentante.

 

Articolo 7

Gli esemplari della licenza di esportazione presentati a corredo della dichiarazione di esportazione sono:

- l'esemplare destinato al titolare,

- l'esemplare da rinviare all'autorità emittente.

 

Articolo 8

  1. L'ufficio doganale competente per l'accettazione della dichiarazione di esportazione verifica che le enunciazioni contenute ·nella dichiarazione di esportazione corrispondano a quelle contenute nella licenza di esportazione, e che un riferimento a quest'ultima sia iscritto nella casella n. 44 della dichiarazione di esportazione stessa.

Detto ufficio prende le misure adeguate per l'identificazione. Queste misure possono consistere nell'apposizione di un sigillo, o di un timbro dell'ufficio della dogana. L'esemplare della licenza di esportazione da rinviare all'autorità emittente è allegato all'esemplare n. 3 del documento amministrativo unico.

  1. Dopo aver compilato la casella n. 19B, l'ufficio doganale competente per l'accettazione della dichiarazione di esportazione trasmette al dichiarante o al suo rappresentante l'esemplare destinato al titolare.
  2. L'esemplare della licenza da rinviare all'autorità emittente deve accompagnare la spedizione fino all'ufficio doganale di uscita dal territorio doganale della Comunità. Detto ufficio completa, se del caso, la casella n. 5 di tale esemplare, appone il suo timbro nella casella n. 22 e lo restituisce, all'esportatore o al suo rappresentante ai fini del rinvio all'autorità emittente.

 

Articolo 9

  1. La durata di validità dell'autorizzazione di esportazione non può eccedere dodici mesi dalla data del rilascio.
  2. In caso di domanda di temporanea esportazione, le autorità competenti possono fissare il termine entro il quale i beni culturali devono essere reimportati nello Stato membro emittente.
  3. Quando la licenza di esportazione risulti scaduta e non utilizzata, il titolare rinvia immediatamente all'autorità emittente tutti gli esemplari in suo possesso.

 

Articolo 10

Le disposizioni del titolo IX del regolamento (CEE) n. 1214/92 della Commissione (2) e dell'articolo 22, paragrafo 6, dell'appendice I della c Convenzione relativa ad un regime di transito comune • (3), conclusa il 20 maggio 1987 tra la Comunità e i paesi EFTA, si applicano quando i beni di cui al presente regolamento circolino nella Comunità attraversando un paese EPTA.

 

Articolo 11

Il presente regolamento entra in vigore il l° aprile 1993.

 

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

 

Fatto a Bruxelles, il 30 marzo 1993.

 

Per la Commissione

Christiane SCRIVENER

Membro della Commissione

 

(1) GU n. L 395 del 31. 12. 1992, pag. l.

(2) GU n. L 132 del 16. 5. 1992, pag. l.

(3) GU n. L 226 del 13. 8. 1987, pag. 2, modificata dalla decisione n. 1/91 della Commissione mista CEE-EFTA «Transito comune,. del 19 settembre 1991 pubblicata nella GU n. L 402 del 31. 12. 1992.

1a 1b 1c 1d 1e 1f