Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

COMMISSION REGULATION (EC) No 1526/98

of 16 July 1998

 

amending Commission Regulation (EEC) No 752/93 laying down provisions for the implementation of Council Regulation (EEC) No 3911/92 on the export of cultural goods

 

 

THE COMMISSION OF THE EUROPEAN COMMUNITIES,

 

Having regard to the Treaty establishing the European

Community,

Having regard to Council Regulation (EEC) No 3911/92 of 9 December 1992 on the export of cultural goods (1), as amended by Regulation (EC) No 2469/96 (2), and in par- ticular Article 7 thereof,

After consulting the Advisory Committee on Cultural

Goods,

Whereas it is advisable, in order to eliminate unnecessary administrative work, to introduce the concept of open licences for the temporary export of cultural goods by responsible persons or organisations for use and/or for exhibition in third countries;

Whereas the Member States that wish to take advantage of such facilities should be able to do so in relation to their own cultural goods, persons and organisations, whereas the conditions to be fulfilled will differ from Member State to Member State; whereas the Member States should be able to opt for the use of open licences or not and lay down the conditions to be met for their issue;

Whereas it is necessary to lay down provisions as to the appearance of such licences so that they can be readily recognised and used anywhere in the Community;

Whereas the provisions of Article 10 relating to Common transit are no longer necessary;

 

HAS ADOPTED THIS REGULATION:

 

Article 1

Commission Regulation (EEC) No 752/93 (3) shall be amended as follows:

  1. Article 1 shall be replaced by the following:

‘Article 1

  1. There shall be three types of licences for the export of cultural goods which shall be issued and (1) OJ L 395, 31. 12. 1992, p. 1. (2) OJ L 335, 24. 12. 1996, p. 9. (3) OJ L 77, 31. 3. 1993, p. 24. used in accordance with Council Regulation (EEC) No 3911/92, hereinafter called the “Basic Regulation”, and with this implementing Regulation:

— the standard licence,

— the specific open licence,

— the general open licence.

  1. The use of export licences shall in no way affect obligations connected with export formalities or related documents.’
  2. Article 2 shall become Article 1(3).
  3. A new Article 2 shall be introduced:

‘Article 2

  1. A standard licence shall normally be used for each export subject to the Basic Regulation. However each individual Member State concerned may decide whether or not it wishes to issue any specific or general open licences which may be used instead if the specific conditions relating to them are fulfilled as set out in Articles 10 and 13.
  2. A specific open licence shall cover the repeated temporary export of a specific cultural good by a particular person or organisation as set out in Article 10.
  3. A general open licence shall cover any tem- porary export of any of those cultural goods that form part of the permanent collection of a museum or other institution, as set out in Article 13.
  4. A Member State may revoke any specific or general open licence at any time if the conditions under which it was issued are no longer met. It shall inform the Commission immediately if the licence issued is not recovered and could be used irregularly. The Commission shall immediately inform the other Member States.
  5. Member States may introduce whatever reas- onable measures they deem necessary in their national territory to monitor the use of their own open licences.’
  6. A new Section II shall be introduced containing the existing Articles 3 to 9:

 

SECTION II

The standard licence’

  1. At the beginning of Article 3(1) the following shall be inserted:

‘Standard licences shall be issued on the form, a model of which is in Annex I.’

  1. A new Section III shall be added, the existing Article

10 shall be deleted and the existing Article 11 shall become Article 17:

SECTION III

Open licences

CHAPTER 1

Specific open licences

Article 10

  1. Specific open licences may be issued for a specific cultural good which is liable to be tempor- arily exported from the Community on a regular basis for use and/or exhibition in a third country. The cultural good must be owned by, or be in the legit- imate possession of, the particular person or organisa- tion that uses and or exhibits the good.
  2. A licence may only be issued provided the authorities are convinced that the person or organisa- tion concerned offers all the guarantees considered necessary for the good to be returned in good condi- tion to the Community and that the good can be so described or marked that there will be no doubt at the moment of temporary export that the good being exported is that described in the specific open licence.
  3. A licence may not be valid for a period that exceeds five years.

Article 11

The licence shall be presented in support of a written export declaration or be available in other cases for production with the cultural goods for examination upon request.

The competent authorities of the Member State in which the licence is presented may ask for it to be translated into the language, or one of the official languages, of that Member State. In this case, the translation costs shall be met by the licence holder.

Article 12

  1. The customs office authorised to accept the export declaration shall ensure that the goods presented are those described on the export licence and that a reference is made to that licence in box 44 of the export declaration if a written declaration is required.
  2. If a written declaration is required then the licence must be attached to copy 3 of the single administrative document and accompany the good to the customs office at the point of exit from the customs territory of the Community. Where copy 3 of the single administrative document is made available to the exporter or his representative, the licence shall also be made available to him for use on a subsequent occasion.

CHAPTER 2

General open licences

Article 13

  1. General open licences may be issued to museums or other institutions to cover the temporary export of any of the goods that belong to their per- manent collection that are liable to be temporarily exported from the Community on a regular basis for exhibition in a third country.
  2. A licence may only be issued if the authorities are convinced that the institution offers all the guarantees considered necessary for the good to be returned in good condition to the Community. The licence may be used to cover any combination of goods in the permanent collection at any one occa- sion of temporary export. It can be used to cover a series of different combinations of goods either consecutively or concurrently.
  3. A licence may not be valid for a period that exceeds five years.

Article 14

The licence shall be presented in support of the export declaration.

The competent authorities of the Member State in which the licence is presented may ask for it to be translated into the language, or one of the official languages, of that Member State. In this case, the translation costs shall be met by the licence holder.

Article 15

  1. The customs office authorised to accept the export declaration shall ensure that the licence is presented together with a list of the goods being exported and which are also described in the export declaration. The list shall be on the headed paper of the institution and each page shall be signed by one of the persons from the institution and named on the licence. Each page shall also be stamped with the stamp of the institution as placed on the licence. A reference to the licence must be made in box 44 of the export declaration.
  2. The licence shall be attached to copy 3 of the single administrative document and must accompany the consignment to the customs office at the point of exit from the customs territory of the Community. Where copy 3 of the single administrative document is made available to the exporter or his representative the licence shall also be made available to him for use on a subsequent occasion.

CHAPTER 3

Forms for the licences

Article 16

  1. Specific open licences shall be issued on the form, a model of which is in Annex II.
  2. General open licences shall be issued on the form a model of which is in Annex III.
  3. The licence form shall be printed in one or more of the official languages of the Community.
  4. The licence shall measure 210 × 297 mm. A tolerance of up to minus 5 mm or plus 8 mm in the length shall be allowed. The paper used shall be white, free of mechanical pulp, dressed for writing purposes and weigh at least 55 g/m2. It shall have a printed guilloche pattern background in light blue such as to reveal any falsification by mechanical or chemical means.
  5. The second sheet of the licence, which shall not have a guilloche pattern background, is for the ex- porter’s own use or records only.

The application form to be used shall be prescribed by the Member State concerned.

  1. Member States may reserve the right to print the licence forms or may have them printed by approved printers. In the latter case, each must bear a reference to such approval. Each form must bear the name and address of the printer or a mark by which the printer can be identified. It shall also bear a serial number, either printed or stamped, by which it can be identi- fied.
  2. Member States shall be responsible for taking any measure necessary in order to avoid the forging of licences. The means of identification adopted by Member States for this purpose shall be notified to the Commission, for communication to the com- petent authorities of the other Member States.
  3. Licences shall be made out by mechanical or electronic means. In exceptional circumstances they may be made out by black ball point pen in block capitals. They shall not contain erasures, overwritten words or other alterations.’
  4. A new Section IV shall be added, containing Article

17:

SECTION IV

General provisions’

  1. The existing Annex shall become Annex I.
  2. Annex I to this Regulation shall be inserted as Annex II.
  3. Annex II to this Regulation shall be inserted as Annex III.

 

Article 2

This Regulation shall enter into force on the seventh day after its publication in the Official Journal of the Euro- pean Communities.

It shall apply from 1 September 1998.

 

 

This Regulation shall be binding in its entirety and directly applicable in all Member States.

 

Done at Brussels, 16 July 1998.

 

For the Commission

Mario MONTI

Member of the Commission


 

ANNEX I

Model of form for specific open licences and copies thereof

1a 1b

 

ANNEX II

Model of form for generai open licences and copies thereof

1c 1d

REGOLAMENTO (CE) N. 1526/98 DELLA COMMISSIONE

del 16 luglio 1998

 

che modifica il regolamento (CEE) n. 752/93 recante disposizioni d’applicazione del regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio relativo all’esportazione di beni culturali

 

 

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

 

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992, relativo all’esportazione di beni culturali (1), modificato dal regolamento (CE) n. 2469/96 (2), in particolare l’articolo 7,

sentito il comitato consultivo per i beni culturali, considerando che è opportuno, al fine di eliminare

pratiche amministrative inutili, prevedere una forma di

«autorizzazione aperta» per l’esportazione temporanea di beni culturali al fine di utilizzarli e/o esporli in paesi terzi da parte di persone o organizzazioni responsabili;

considerando che gli Stati membri che intendono avvalersi di tali meccanismi devono averne la facoltà relativamente ai ben culturali, alle persone e alle organizzazioni di propria competenza; che le condizioni da rispettare differiranno da uno Stato membro all’altro; che gli Stati membri devono poter optare per l’utilizzo, oppure no, di autorizzazioni aperte e stabilire le condizioni da rispettare per il loro rilascio;

considerando che è necessario definire le disposizioni relative alla forma di tali licenze in modo da facilitarne il riconoscimento e l’utilizzo in tutta la Comunità,

considerando che le disposizioni dell’articolo 10 relative al transito comune non sono più necessarie,

 

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

 

Articolo 1

Il regolamento (CEE) n. 752/93 della Commissione (3) è modificato come segue:

1) Il testo dell’articolo 1 è sostituito dal testo seguente:

«Articolo 1

  1. Per l’esportazione di beni culturali sono previsti tre tipi di licenze, rilasciate e utilizzate a norma del regolamento (CEE) n. 3911/92, in appresso denominato “regolamento di base”, e del presente regolamento:

— la licenza normale;

— la licenza aperta specifica;

— la licenza aperta generale.

  1. L’utilizzo delle licenze di esportazione lascia impregiudicati gli obblighi inerenti alle formalità di esportazione e di riesportazione e ai relativi documenti.»

2) L’articolo 2 diviene articolo 1, paragrafo 3.

3) È inserito un nuovo articolo 2:

«Articolo 2

  1. La licenza normale è di regola utilizzata per tutte le esportazioni soggette al regolamento di base. Tuttavia, ogni Stato membro interessato può indicare se intende o meno rilasciare licenze aperte specifiche o generali da utilizzare qualora siano soddisfatte le condizioni specifiche previste per tali documenti conformemente agli articoli 10 e 13.
  2. Una licenza aperta specifica copre la ripetuta esportazione temporanea di uno specifico bene culturale da parte di una determinata persona o ente, conformemente all’articolo 10.
  3. Una licenza aperta generale copre le esportazioni temporanee di beni culturali appartenenti alla collezione permanente di un museo o di un’altra istituzione conformemente all’articolo 13.
  4. Uno Stato membro può revocare in qualsiasi momento una licenza aperta, specifica o generale, se le condizioni alle quali tale licenza era stata rilasciata non sono più soddisfatte. Qualora la licenza rilasciata non sia stata recuperata e possa essere utilizzata in modo irregolare, lo Stato membro interessato ne informa immediatamente la Commissione. La Commissione ne informa immediatamente gli altri Stati membri.
  5. Gli Stati membri possono adottare, sul loro territorio nazionale, qualsiasi misura ritenuta ragionevolmente necessaria per il controllo dell’utilizzo delle licenze aperte da essi stessi rilasciate.»

4) Viene introdotta una nuova sezione II, contenente gli attuali articoli da 3 a 9:

 

«SEZIONE II

La licenza normale»

5) All’inizio dell’articolo 3 paragrafo 1 è inserito il seguente testo:

«Le licenze normali sono rilasciate su un formulario conforme al modello che figura nell’allegato I.»

6) È aggiunta una nuova sezione III, il testo dell’attuale articolo 10 è soppresso e l’attuale articolo 11 diviene articolo 17:

«SEZIONE III

Licenze aperte

CAPITOLO 1

La licenza aperta specifica

Articolo 10

  1. Una licenza aperta specifica può essere rilasciata per un bene culturale specifico suscettibile di essere esportato temporaneamente e periodicamente al di fuori della Comunità per essere utilizzato e/o esposto in un paese terzo. Il bene culturale deve essere di proprietà, o in legittimo possesso della specifica persona o ente che utilizza o espone tale bene.
  2. La licenza può essere rilasciata solamente se le autorità preposte al rilascio hanno la certezza che la persona o l’ente interessato offronto tutte le garanzie ritenute necessarie per il rientro del bene culturale nella Comunità in buone condizioni e che il bene può essere descritto o contrassegnato in modo tale da non dare adito a dubbi, al momento della sua esportazione temporanea, in merito alla sua identificazione rispetto a quanto indicato nella licenza aperta specifica.
  3. Il periodo di validità della licenza non può

essere supriore a cinque anni.

Articolo 11

La licenza è presentata a corredo di una dichiarazione scritta d’esportazione o, in altri casi, deve poter essere esibita su richiesta al fine di essere esaminata unitamente ai beni culturali.

L’autorità competente dello Stato membro in cui viene presentato il formulario può chiederne la traduzione nella lingua o in una delle lingue ufficiali di tale Stato. In questo caso, le eventuali spese di traduzione sono a carico del titolare della licenza.

Articolo 12

  1. L’ufficio doganale competente per l’accettazione della dichiarazione di esportazione accerta che le merci presentate corrispondano a quelle descritte nella licenza di esportazione e che, qualora sia richiesta una dichiarazione scritta, nella casella 44 della dichiarazione di esportazione figuri un riferimento a tale licenza.
  2. Qualora sia richiesta una dichiarazione scritta, la licenza deve essere allegata all’esemplare numero 3 del documento amministrativo unico, ed accompagnare il bene all’ufficio doganale di uscita dal territorio doganale della Comunità. Quando l’esemplare numero 3 del documento amministrativo unico viene messo a disposizione dell’esportatore o del suo rappresentante, la licenza gli viene messa a disposizione e può essere riutilizzata.

CAPITOLO 2

Licenze aperte generali

Articolo 13

  1. Possono essere rilasciate licenze aperte generali a musei o ad altre istituzioni per l’esportazione temporanea di qualunque bene, facente parte delle loro collezioni permanenti, suscettibile di periodiche esportazioni temporanee dalla Comunità per essere esposto in un paese terzo.
  2. La licenza può essere rilasciata solamente se le autorità preposte al rilascio hanno la certezza che l’istituzione interessata offre tutte le garanzie ritenute necessarie per il rientro del bene culturale nella Comunità in buone condizioni. La licenza può essere utilizzata in tutti i casi di esportazione temporanea di qualsiasi combinazione di beni facenti parte della collezione permanente. Essa può essere utilizzata per coprire una serie di diverse combinazioni di beni culturali sia consecutivamente, sia simultaneamente.
  3. Il periodo di validità della licenza non può essere superiore a cinque anni.

Articolo 14

La licenza è presentata a corredo della dichiarazione di esportazione.

L’autorità competente dello Stato membro in cui viene presentato il formulario può chiederne la traduzione nella lingua o in una delle lingue ufficiali di tale Stato. In questo caso, le eventuali spese di traduzione sono a carico del titolare della licenza.

Articolo 15

  1. L’ufficio doganale competente per l’accettazione della dichiarazione di esportazione accerta che la licenza sia presentata unitamente ad un elenco dei beni culturali da esportare, descritti anche nella dichiarazione di esportazione. L’elenco è redatto su carta intestata dell’istituzione, e ogni pagina è firmata da una delle persone appartenenti all’istituzione e il cui nome figura nella licenza. Ciascuna pagina deve recare inoltre la medesima impronta del timbro dell’istituzione apposta sulla licenza. Nella casella 44 della dichiarazione di esportazione deve figurare un riferimento alla licenza.
  2. La licenza è allegata all’esemplare numero 3 del documento amministrativo unico, ed accompagna il bene culturale all’ufficio doganale di uscita dal territorio doganale della Comunità. Quando l’esemplare numero 3 del documento amministrativo unico viene messo a disposizione dell’esportatore o del suo rappresentante, la licenza gli viene messa a disposizione e può essere riutilizzata.

CAPITOLO 3

Formulari per le licenze

Articolo 16

  1. Le licenze aperte specifiche sono rilasciate su un formulario conforme al modello che figura nell’allegato II.
  2. Le licenze aperte generali sono rilasciate su un formulario conforme al modello che figura nell’allegato III.
  3. Il formulario della licenza è stampato in una o più lingue ufficiali della Comunità.
  4. Il formato del formulario è di 210 × 297 mm; è ammessa una tolleranza massima di 5 mm in meno e di 8 mm in più nel senso della lunghezza. La carta da usare è collata bianca per scritture, non contenente pasta meccanica, del peso minimo di 55 g/m2. Il recto dell’originale deve avere un fondo arabescato di colore azzurro in modo da evidenziare qualsiasi falsificazione eseguita con mezzi meccanici o chimici.
  5. L’esemplare numero 2 della licenza, privo di fondo arabescato, è ad uso dell’esportatore.

Il formulario da utilizzare per la domanda è stabilito dagli Stati membri interessati.

  1. Gli Stati membri possono riservarsi la stampa dei formulari delle licenze oppure affidarla a ditte da loro autorizzate. In quest’ultimo caso su ogni formulario deve recare il nome e l’indirizzo della tipografia oppure un contrassegno che ne permetta l’identificazione. Esso deve recare inoltre un numero di serie, stampato o apposto con un timbro, destinato a individuarlo.
  2. Spetta agli Stati membri prendere le disposizioni necessarie al fine di evitare la falsificazione delle licenze. Le informazioni sui mezzi di identificazione applicati a tale scopo dagli Stati membri sono trasmessi ai servizi della Commissione per essere comunicate alle autorità competenti degli altri Stati membri.
  3. Le licenze devono essere compilate mediante un procedimento meccanico o elettronico. In casi eccezionali, esse possono tuttavia essere compilate, in stampatello, con una penna a sfera con inchiostro nero. Le licenze non devono contenere né aggiunte, né altre alterazioni.»

7) È aggiunta una nuova sezione IV, contenente l’articolo 17:

«SEZIONE IV

Disposizioni generali»

8) L’attuale allegato diviene l’allegato I.

9) L’allegato I del presente regolamento viene inserito come allegato II.

10) L’allegato II del presente regolamento viene inserito come allegato III.

 

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il settimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

Esso è applicabile a decorrere dal 1o settembre 1998.

 

 

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

 

Fatto a Bruxelles, il 16 luglio 1998.

Per la Commissione

Mario MONTI

Membro della Commissione

 

(1) GU L 395 del 31.12.1992,      pag. 1.

(2) GU L 335 del 24.12.1996,      pag. 9.

(3) GU L 77   del 31.3.1993,       pag. 24.

 

<ALLEGATO I

Modello di formulario per licenze aperte specifiche e relative copie

 1a 1b

 

ALLEGATO II

Modello di formulario per licenze aperte generali e relative copie

1c 1d