Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

COMMISSION REGULATION (EC) No 656/2004

of 7 April 2004

amending Regulation (EEC) No 752/93 laying down provisions for the implementation of Council Regulation (EEC) No 3911/92 on the export of cultural goods

 

THE COMMISSION OF THE EUROPEAN COMMUNITIES,

Having regard to the Treaty establishing the European Community,

Having regard to Council Regulation (EEC) No 3911/92 on the export of cultural goods (1),  and in particular Article 7 thereof,

After consulting the Advisory Committee on Cultural Goods,

Whereas:

(1)  Commission Regulation (EEC) No 752/93 of 30 March 1993 laying down provisions for the implementation of Council Regulation (EEC) No 3911/92 on the export of cultural goods (2), made provision for a model export licence form applicable to categories of cultural goods listed in annex to Regulation (EEC) No 3911/92. However, this form is not consistent with the United Nations Layout Key for Trade Documents and in practice its use causes some problems.

(2)  Therefore a new model form conforming to the United Nations Layout Key for Trade Documents should be drawn up. The form should also be accompanied by explanatory notes to help interested parties to draw it up uniformly and correctly.

(3)  Regulation (EEC) No 752/93 stipulates that the form should be filled in by mechanical or electronic means or by hand. However, in order to reduce the administrative costs, Member States which so wish and have the necessary technical means should be allowed to issue the document by electronic means.

(4)  To ensure that the issuing authority receives sheet 3 of the form, provision should be made for the customs office of exit from the Community customs territory to return this sheet directly to the issuing authority instead of giving it to the exporter or his/her representative, as provided for at present.

(5)  Regulation (EEC) No 752/93 should therefore be amended accordingly,

 

HAS ADOPTED THIS REGULATION:

 

Article 1

Regulation (EEC) No 752/93 is amended as follows:
1. In Article 3(3), the opening sentence is replaced by the following:

‘3. Forms shall be produced in printed or electronic form and filled out in an official language of the Communities designated by the competent authorities of the issuing Member State.’

  1. In Article 6(1), the opening sentence is replaced by the following:

‘1. The applicant shall complete boxes 1, 3, 6 to 21, 24 and, if necessary, 25 of the application and the other sheets except where pre-printing of the box or boxes is authorised.’

  1. Article 8 is amended as follows:

(a) the first subparagraph of paragraph 1 is replaced by the following:

‘1. The customs office responsible for handling the export declaration shall ensure that the entries on the export declaration or, if applicable, the ATA carnet, correspond to the entries on the export licence and that a reference to the export licence is entered in box 44 of the export declaration or on the counterfoil of the ATA carnet.’

(b) Paragraph 2 is replaced by the following:

‘2. After completing box 23 in copies 2 and 3, the customs office authorised to accept the export declaration shall return to the declarant or to his/her authorised representative the sheet intended for the holder.’

(c) In paragraph 3, the last sentence is replaced by the following: ‘The customs office shall affix its stamp to box 26 of the form

and return it to the issuing authority.’
4. In Article 16(3), the opening sentence is replaced by the following:

‘3. The licence form shall be produced in printed or electronic form in one or more of the official languages of the Community.’

  1. Annex I is replaced by the text in the Annex to this Regulation.

 

Article 2

Export licences issued up to 30 June 2004 shall remain valid until 30 June 2005.

 

Article 3

This Regulation shall enter into force on the third day following its publication in the Official Journal of the European Union.

It shall apply from 1 July 2004.

 

This Regulation shall be binding in its entirety and directly applicable in all Member States.

 

(1), OJ L 395, 31.12.1992, p. 1. Regulation as last amended by Regulation (EC) No 806/2003 (OJ L 122, 16.5.2003, p. 1).

(2), OJ L 77, 31.3.1993, p. 24. Regulation as last amended by Regulation (EC) No 1526/98 (OJ L 201, 17.7.1998, p. 47).

 

ANNEX

 

ANNEX I

MODEL STANDARD EXPORT LICENCE FORM

1a 1b 1c 1d 1e 1f

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EXPLANATORY NOTES

 

  1. General

 

1.1.  Licences are required for the export of cultural goods to protect the cultural heritage of the Member States pursuant to Regulation (EEC) No 3911/92 of 9 December 1992.

Commission Regulation (EEC) No 752/93 of 30 March 1993 sets out the form in which standard export licences are to be drawn up. It is intended to guarantee standardised checks on the export of cultural goods outside the Community's borders.

Commission Regulation (EC) No 1526/98 of 16 July 1998 provided for two other types of export licence, namely:

—  specific open licences, to be issued for specific cultural goods which are liable to be temporarily exported from the Community on a regular basis for use and/or exhibition in a third country,

—  general open licences, to be issued to museums or other institutions to cover the temporary export of any of the goods that belong to their permanent collections that are liable to be temporarily exported from the Community on a regular basis for exhibition in a third country.

1.2.  Three copies of the standard export licence form must be completed legibly and indelibly, preferably by mechanical or electronic means. If they are handwritten, they must be completed in ink and in capital letters. They must under no circumstances contain erasures, overwritten words or other alterations.

1.3.  Any unused box must be lined crossed out so that nothing can be added.

The copies can be identified by their numbering and function, indicated in the left-hand margin. They should be ordered in the set as follows:

—  Copy No 1: application to be kept by the issuing authority (indicate in each Member State the identity of that authority); in the case of additional lists, as many copies of No 1 as necessary must be used; it is up to the competent issuing authorities to establish whether more than one export licence should be issued,

—  Copy No 2: to be presented in support of the export declaration at the competent customs office of export and kept by the licence holder after it has been stamped by that office,

—  Copy No 3: to be presented at the competent customs office of export and to accompany the consignment thereafter until its arrival at the customs office of exit from the Community; the customs office of exit stamps this copy and then returns it to the issuing authority.

 

  1. Headings

 

Box 1: Applicant: Name of individual or company and full residential address or

address of company headquarters
Box 2: Export licence: For completion by competent authorities

Box 3: Consignee: Name and full address of consignee, including the third country to which the good is being permanently or temporarily exported

Box 4: Indicate whether export is permanent or temporary

Box 5: Issuing authority: Name of the competent authority and the Member State issuing the authorisation

Box 6: Applicant's representative: To be completed only where the applicant is using an authorised representative

Box 7: Owner of the object(s): Name and address

Box 8: Description in terms of the Annex to Regulation (EEC) No 3911/92. Category/-ies of cultural good(s): These goods are classified in categories numbered 1 to 14. Enter only the corresponding number.

Box 9: Description of the cultural good(s): State the exact nature of the good(s) (for example painting, sculpture, bas-relief, negative matrix or positive copy in the case of films, furniture or objects, musical instruments) and give an objective description of the appearance of the good(s).

— For category 12 objects: state the type of collection and/or geographical origin.

— For scientific collections and specimens: give the scientific name.

— For archaeological collections composed of a large number of objects: it is enough to give a generic description, which should be accompanied by an attestation or certificate issued by the scientific or archaeological body or institution and a list of the objects.

If there is not enough room to describe all the objects, the applicant must add any extra pages needed.

Box 10: CN-code: As an indicator, state Combined Nomenclature code.

Box 11: Number/quantity: State the number of items, particularly where they form a set.

In the case of films, indicate the number of reels, format and length.

Box 12: Value in national currency: State the value of the good(s) in national currency.

Box 13: Purpose of export of the cultural good(s)/reason for which the licence is requested: State whether the good to be exported has been sold or is intended to be sold, exhibited, valued, repaired or put to any other use, and whether its return is compulsory.

Box 14: Title or subject: If the work does not have an exact name, indicate its subject with a summary of the appearance of the object or, in the case of films, the subject.

For scientific instruments or other objects for which it is not possible to specify a title or subject, it is sufficient to complete Box 9.

Box 15: Measurements: Measurements (in centimetres) of the good(s) and any supports

In the case of complex or unusual shapes, indicate the measurements in this order: H x L x D (height, width, depth).

Box 16: Dating: Where no precise date is known, indicate the century and part of the century (first quarter, first half) or millennium (categories 1 to 6).

For antique goods to which age specifications apply (more than 50 or 100 years old or between 50 and 100 years old), and for which it is not sufficient to indicate the century, specify a year, even if approximate (e.g. around 1890, approximately 1950).

For films, if date not known, specify decade.

In the case of sets (archives and libraries), indicate earliest and latest dates.

Box 17: Other characteristics: Give any other information on formal aspects that could be useful for identification, e.g. historical antecedents, conditions of execution, former owners, state of preservation and restoration, bibliography, electronic code or marking.

Box 18: Documents submitted/specific indications relating to identification: Indicate with crosses in the appropriate squares.

Box 19: Artist, period, workshop and/or style: Give the artist's name if known and recorded. If the works are collaborative products or copies, indicate the artists or the artist copied, if known. If the work is only attributed to a single artist, enter “Attributed to...”.

If the artist is not known, state the workshop, school or style (e.g. workshop of Velazquez, Venetian school, Ming period, Louis XV-style or Victorian-style).

In the case of printed matter, state the name of the publisher, the place and the year of publication.

Box 20: Medium or technique: The information given in this box should be as precise as possible. Indicate the materials used and specify the technique employed (e.g. oil painting, woodcuts, charcoal or pencil drawing, lost wax casting, nitrate film, etc.).

Box 21 (Copy 1): Application: Must be completed by the applicant or his/her representative, who must vouch for the correctness of the information supplied in the application and supporting documents.

Box 22: Signature and stamp of issuing authority: To be entered by the competent authority, with place and date, on the three copies of licence.

Box 23 (Copies 2 and 3): For completion by customs office of export: To be entered by the customs office where the export transactions are carried out and the export licence is presented.

“Customs office of export” means the office where the export declaration is submitted and export formalities are carried out.

Box 24: Photograph(s) of the cultural good(s): A colour photograph (at least 9 x 12 cm) must be attached with glue. To facilitate the identification of three- dimensional objects, photographs may be required of the different facets.

The competent authority must endorse the photograph with a signature and the stamp of the issuing authority.

The competent authorities may require other photographs.
Box 25: Supplementary pages: State the number of additional pages used, if any.

Box 26 (copies 2 and 3): Customs office of exit: To be completed by the customs office of exit “Customs office of exit” means the last customs office before the goods leave the customs territory of the Community.’

 

Trascina file per caricare

REGOLAMENTO (CE) N. 656/2004 DELLA COMMISSIONE

del 7 aprile 2004

 

che modifica il regolamento (CEE) n. 752/93, recante disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio relativo all'esportazione di beni culturali

 

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992, relativo all'esportazione di beni culturali (1), in particolare l'articolo 7,

sentito il comitato consultivo per i beni culturali,

considerando quanto segue:

(1) Il regolamento (CEE) n. 752/93 della Commissione, del 30 marzo 1993, recante disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio relativo all'esportazione di beni culturali(2), ha stabilito il modello di autorizzazione normale per l'esportazione di talune categorie di beni culturali indicate nell'allegato del regolamento (CEE) n. 3911/92. Orbene, tale formulario non è adeguato alla formula quadro delle Nazioni Unite per i documenti commerciali e pone talune difficoltà pratiche d'applicazione. 


(2) È opportuno pertanto stabilire un nuovo modello di formulario, adeguato alla formula quadro delle Nazioni Unite per i documenti commerciali. È opportuno inoltre che il formulario sia corredato di note esplicative, per permettere agli interessati di redigerlo in maniera uniforme e corretta. 


(3) Il regolamento (CEE) n. 752/93 dispone che il formulario dev'essere compilato mediante un procedimento meccanico od elettronico oppure a mano. Per ridurre l'onere amministrativo, è opportuno che gli Stati membri che intendono avvalersi di tale possibilità e dispongono dei mezzi tecnici necessari, redigano il documento mediante procedimento elettronico. 


(4) Per assicurarsi che l'autorità emittente riceva l'esemplare 3 del formulario, è opportuno disporre che l'ufficio doganale di uscita dal territorio doganale della Comunità rinvii direttamente tale esemplare alla detta autorità, invece di consegnarla all'esportatore o al suo rappresentante, come disciplinato dalle attuali disposizioni. 


(5) Occorre pertanto modificare il regolamento (CE) n. 752/ 93 in conseguenza, 


 

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

 

Articolo 1

Il regolamento (CEE) n. 752/93 è modificato come segue:

1) All'articolo 3, paragrafo 3, la prima frase è sostituita dal testo seguente:

«3. I formulari sono stampati o compilati mediante un procedimento elettronico in una delle lingue ufficiali della Comunità designata dall'autorità competente dello Stato membro emittente.»

2) All'articolo 6, paragrafo 1, la prima frase è sostituita dal testo seguente:

«1. Il richiedente compila le caselle 1, 3, da 6 a 21, 24 e, se del caso, 25 della domanda e degli altri esemplari, fatta salva la casella o le caselle prestampate.»

3) L'articolo 8 è modificato come segue:

  1. a) Al paragrafo 1, il primo capoverso è sostituito dal testo seguente:

«1. L'ufficio doganale competente per l'accettazione della dichiarazione di esportazione si assicura che gli enunciati di cui alla dichiarazione di esportazione o, se del caso, al carnet ATA, corrispondano a quelli figuranti nell'autorizzazione di esportazione e che un riferimento a quest'ultima compaia nella casella 44 della dichiarazione di esportazione o sul talloncino del carnet ATA.»

  1. b) Il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:

«2. Dopo aver compilato la casella 23 degli esemplari 2 e 3, l'ufficio doganale competente per l'accettazione della dichiarazione di esportazione consegna al dichiarante o al suo rappresentante l'esemplare destinato al titolare.»

  1. c) Al paragrafo 3, l'ultima frase è sostituita dal testo seguente:

«Detto ufficio appone il suo timbro nella casella 26 di tale esemplare e lo restituisce all'autorità emittente.»

4) All'articolo 16, paragrafo 3, la prima frase è sostituita dal testo seguente:

«3. Il formulario di autorizzazione è stampato o compilato mediante un procedimento elettronico in una delle lingue ufficiali della Comunità.»

5) L'allegato I del regolamento è sostituito dal testo dell'allegato I del presente regolamento.

 

Articolo 2

Le autorizzazioni di esportazione rilasciate fino al 30 giugno 2004 restano valide fino al 30 giugno 2005.

 

Articolo 3

Il presente regolamento entra in vigore il terzo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Esso è applicabile a decorrere dal 1o luglio 2004.

 

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

 

Fatto a Bruxelles, il 7 aprile 2004.

 

Per la Commissione

Frederik BOLKESTEIN

Membro della Commissione

 

(1) GU L 395 del 31.12.1992, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 806/2003 (GU L 122 del 16.5.2003, pag. 1). 


(2) GU L 77 del 31.3.1993, pag. 24. Regolamento modificato dal regolamento (CE) n. 1526/98 (GU L 201 del 17.7.1998, pag. 47). 


 

 

ALLEGATO«ALLEGATO IMODELLO DI FORMULARIO DI AUTORIZZAZIONE NORMALE

1a 1b 1c 1d 1e 1f

 

Note esplicative

Regole generali

 

1.1. Il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992, contempla il rilascio dell'autorizzazione di 
esportazione di beni culturali, al fine di proteggere il patrimonio culturale degli Stati membri. 
Il regolamento (CEE) n. 752/93 della Commissione, del 30 marzo 1993, ha previsto il formulario su cui va redatta l'autorizzazione normale di esportazione. Esso è destinato a garantire un controllo uniforme delle esportazioni di beni culturali alle frontiere esterne della Comunità. 
Il regolamento (CEE) n. 1526/98 della Commissione, del 16 luglio 1998, ha dal canto suo previsto due altri tipi di licenze di esportazione, e cioè:

— la licenza aperta specifica che può essere rilasciata per un bene culturale specifico suscettibile di essere esportato temporaneamente e periodicamente al di fuori della Comunità per essere utilizzato e/o esposto in un paese terzo, 


— la licenza aperta generale che può essere rilasciata a musei o ad altre istituzioni per l'esportazione temporanea di qualunque bene, facente parte delle loro collezioni permanenti, suscettibile di periodiche esportazioni temporanee dalla Comunità per essere esposto in un paese terzo. 


1.2. Il formulario di autorizzazione normale di esportazione in tre esemplari dev'essere compilato in maniera leggibile ed indelebile, di preferenza mediante un procedimento meccanico o elettronico. Se è compilato a mano, deve essere con l'inchiostro e a caratteri stampatello. In tutti i casi esso non deve contenere né aggiunte, né altre alterazioni. 


1.3. Le caselle non compilate vanno barrate onde evitare qualsiasi aggiunta. 
Gli esemplari possono essere identificati tramite la loro numerazione e funzione indicate nel margine laterale sinistro. Essi sono classificati nel fascicolo nell'ordine seguente:

— esemplare n. 1: domanda che dev'essere conservata dall'autorità emittente (gli Stati membri sono tenuti a specificare di quale autorità si tratti); nel caso di liste supplementari si dovrà utilizzare il numero di esemplari n. 1 necessari, fermo restando che spetterà alle autorità competenti per il rilascio decidere sull'opportunità di rilasciare una o più autorizzazioni di esportazione, 


— esemplare n. 2: esemplare destinato all'ufficio doganale di esportazione competente, a corredo della dichiarazione di esportazione, che dev'essere conservato dal richiedente titolare; dopo l'apposizione del timbro dell'ufficio, 


— esemplare n. 3: esemplare destinato all'ufficio doganale di esportazione competente, che deve accompagnare ulteriormente la spedizione fino all'ufficio di uscita dalla Comunità; dopo aver apposto il visto, l'ufficio doganale di uscita rinvia l'esemplare n. 3 all'autorità emittente. 


Rubriche

 

Casella 1: Richiedente: nome o ragione sociale, indirizzo completo di residenza o sede sociale.

Casella 2: Autorizzazione di esportazione: riservata alle autorità competenti. 


Casella 3: Destinatario: nome e indirizzo completo del destinatario nonché indicazione del paese terzo verso il quale il bene è esportato a titolo definitivo o temporaneo. 


Casella 4: indicare se l'esportazione è a titolo definitivo o temporaneo. 


Casella 5: Organismo emittente: designazione dell'autorità competente e dello Stato membro che rilascia l'autorizzazione. 


Casella 6: Rappresentante del richiedente: da completare unicamente qualora il richiedente faccia appello ad un rappresentante titolare di mandato. 


Casella 7: Proprietario dell'oggetto (degli oggetti): nome e indirizzo. 


Casella 8: Designazione secondo l'allegato del Regolamento (CEE) n. 3911/92. Categoria del (dei) bene (i) culturale (i): i beni sono classificati per categoria e numerati da 1 a 14. Indicare soltanto il numero corrispondente. 


Casella 9: Descrizione del (dei) bene (i): Precisare la natura esatta del bene (per es. pittura, scultura, bassorilievo, matrice negativa o copia positiva per i film, mobili e oggetti, strumenti musicali) e descrivere obiettivamente la rappresentazione del bene:

— per gli oggetti della categoria 12: precisare il tipo di collezione o l'origine geografica, 


— per le collezioni e i campioni di scienze naturali: precisare la denominazione scientifica, 


— per le collezioni di materiali archeologici comprendenti un numero elevato di oggetti: è sufficiente una descrizione generica che dovrebbe essere corredata di un attestato o del certificato rilasciato dall'organismo o dall'istituto scientifico o archeologico e un elenco degli oggetti. 
Se lo spazio previsto per descrivere gli oggetti fosse insufficiente, il richiedente dovrà presentare i necessari fogli supplementari. 


Casella 10: Codice NC: precisare a titolo indicativo il codice della nomenclatura combinata


Casella 11: Massa: precisare la quantità di beni, in particolare quando essi costituiscano un insieme. Per i film, indicare il numero di bobine, il formato, il metraggio.


Casella 12: Valore in moneta nazionale: indicare il valore del bene in moneta nazionale.

Casella 13: Scopo dell'esportazione del (dei) bene(i) culturale(i)/Motivo per il quale si richiede l'autorizzazione: precisare se il bene oggetto dell'esportazione è stato venduto o è destinato ad una eventuale vendita, ad un'esposizione, una perizia, un restauro o ad una qualsiasi altra utilizzazione, e se il ritorno è obbligatorio. 


Casella 14: Titolo o tema: se l'opera non ha un titolo ben preciso, indicarne il tema, descrivendo in maniera sommaria la rappresentazione del bene o, per i film, il soggetto trattato. 
Per gli strumenti scientifici o altri oggetti che non si prestano ad essere specificati, basta compilare la casella 9.

Casella 15: Dimensioni: indicare la dimensione (in centimetri) del o dei beni ed eventualmente del loro supporto. Per le forme complicate o particolari, indicare le dimensioni nell'ordine seguente: H x L x P (altezza, larghezza, profondità). 


Casella 16: Datazione: in mancanza di una data precisa, indicare il secolo, la parte di secolo (primo quarto, prima metà) o il millennio (in particolare, categorie 1 o 6). 
Per i beni di antiquariato per i quali si prevede un limite di tempo (di oltre 50 o 100 anni o tra 50 e 100 anni) e per i quali non è sufficiente indicare il secolo, specificare l'anno, anche in maniera approssimativa (per esempio, intorno al 1890, approssimativamente nel 1950). 
Per i film, in assenza di datazione precisa, indicare il decennio. 
In caso di insiemi (archivi e biblioteche), indicare le date estreme. 


Casella 17: Altre caratteristiche: indicare qualsiasi altra caratteristica relativa agli aspetti formali del bene, che possa essere utile alla sua identificazione, per es., antecedenti storici, condizioni di esecuzione, precedenti appartenenze, stato di conservazione e di restauro, bibliografia, apposizione di un marchio o codice elettronico. 


Casella 18: Documenti acclusi/Menzioni particolari che facilitano l'identificazione: indicarli apponendo una crocetta all'interno delle corrispondenti caselle. 


Casella 19: Autore, epoca, atelier e/o stile: precisare l'autore dell'opera, se esso è conosciuto e se si possiede in merito una documentazione. Se si tratta di opere eseguite in collaborazione o di copie, indicare gli autori o l'autore copiato, se conosciuti. Se l'opera è attribuita ad un unico artista, indicare “attribuito a...”. 
Se manca l'autore, indicare l'atelier, la scuola o lo stile (per esempio, atelier di Velázquez, scuola veneziana, epoca Ming, stile Luigi XV o stile vittoriano). Per i documenti stampati, indicare il nome dell'editore, il luogo e l'anno di edizione. 


Casella 20: Materia e tecnica: per questa rubrica si raccomanda la massima precisione; indicare i materiali utilizzati e precisare la tecnica impiegata (per esempio, pittura a olio, xilografie, disegno a carboncino o a matita, formatura a cera persa, film a nitrato.........). 


Casella 21 (esemplare 1): Domanda: la domanda dev'essere compilata obbligatoriamente dal richiedente o dal suo rappresentante, che si impegna sull'esattezza delle informazioni che egli fornisce nella domanda e nei documenti giustificativi allegati.

Casella 22: Firma e timbro dell'organismo emittente: questa casella dev'essere compilata dall'autorità competente che precisa il luogo e la data nei tre esemplari dell'autorizzazione.

Casella 23 (esemplari 2 e 3): Visto dell'ufficio doganale di esportazione: questa casella dev'essere compilata dall'ufficio doganale dove vengono effettuate le operazioni e dove viene presentata la licenza d'esportazione.

Per ufficio doganale di esportazione si intende l'ufficio in cui si presenta la dichiarazione di esportazione e si espletano le formalità di esportazione.

Casella 24: Fotografia(e) del (dei) bene(i) culturale(i): dev'essere incollata una fotografia a colori (perlomeno in formato 9 x 12 centimetri). Per facilitare l'identificazione degli oggetti in tre dimensioni, si può chiedere una fotografia delle varie facce.

L'autorità competente deve convalidare la fotografia, mediante apposizione della propria firma e del timbro dell'organismo emittente.

Le autorità competenti possono eventualmente chiedere ulteriori fotografie dell'oggetto.


Casella 25: Fogli supplementari: indicare eventualmente il numero dei fogli supplementari utilizzati.

Casella 26 (esemplari 2 e 3): Ufficio doganale di uscita: riservata al menzionato ufficio doganale.

Per ufficio doganale di uscita si intende l'ultimo ufficio doganale prima che i beni lascino il territorio doganale della Comunità.»