Print Friendly

COUNCIL REGULATION (EC) No 116/2009

of 18 December 2008

on the export of cultural goods

(Codified version)

THE COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION,

Having regard to the Treaty establishing the European Community, and in particular Article 133 thereof,

Having regard to the proposal from the Commission,

Whereas:

(1)

Council Regulation (EEC) No 3911/92 of 9 December 1992 on the export of cultural goods (1) has been substantially amended several times (2). In the interests of clarity and rationality the said Regulation should be codified.

(2)

In order to maintain the internal market, rules on trade with third countries are needed for the protection of cultural goods.

(3)

It seems necessary to take measures in particular to ensure that exports of cultural goods are subject to uniform controls at the Community's external borders.

(4)

Such a system should require the presentation of a licence issued by the competent Member State prior to the export of cultural goods covered by this Regulation. This necessitates a clear definition of the scope of such measures and the procedures for their implementation. The implementation of the system should be as simple and efficient as possible.

(5)

The measures necessary for the implementation of this Regulation should be adopted in accordance with Council Decision 1999/468/EC of 28 June 1999 laying down the procedures for the exercise of implementing powers conferred on the Commission (3).

(6)

In view of the considerable experience of the Member States' authorities in the application of Council Regulation (EC) No 515/97 of 13 March 1997 on mutual assistance between the administrative authorities of the Member States and cooperation between the latter and the Commission to ensure the correct application of the law on customs and agricultural matters (4), the said Regulation should be applied to this matter.

(7)

Annex I to this Regulation is aimed at making clear the categories of cultural goods which should be given particular protection in trade with third countries, but is not intended to prejudice the definition, by Member States, of national treasures within the meaning of Article 30 of the Treaty,

HAS ADOPTED THIS REGULATION:

Article 1

Definition

Without prejudice to Member States' powers under Article 30 of the Treaty, the term ‘cultural goods’ shall refer, for the purposes of this Regulation, to the items listed in Annex I.

Article 2

Export licence

1.   The export of cultural goods outside the customs territory of the Community shall be subject to the presentation of an export licence.

2.   The export licence shall be issued at the request of the person concerned:

(a)

by a competent authority of the Member State in whose territory the cultural object in question was lawfully and definitively located on 1 January 1993;

(b)

or, thereafter, by a competent authority of the Member State in whose territory it is located following either lawful and definitive dispatch from another Member State, or importation from a third country, or re-importation from a third country after lawful dispatch from a Member State to that country.

However, without prejudice to paragraph 4, the Member State which is competent in accordance with points (a) or (b) of the first subparagraph is authorised not to require export licences for the cultural goods specified in the first and second indents of category A.1 of Annex I where they are of limited archaeological or scientific interest, and provided that they are not the direct product of excavations, finds or archaeological sites within a Member State, and that their presence on the market is lawful.

The export licence may be refused, for the purposes of this Regulation, where the cultural goods in question are covered by legislation protecting national treasures of artistic, historical or archaeological value in the Member State concerned.

Where necessary, the authority referred to in point (b) of the first subparagraph shall enter into contact with the competent authorities of the Member State from which the cultural object in question came, and in particular the competent authorities within the meaning of Council Directive 93/7/EEC of 15 March 1993 on the return of cultural objects unlawfully removed from the territory of a Member State (5).

3.   The export licence shall be valid throughout the Community.

4.   Without prejudice to the provisions of paragraphs 1, 2 and 3, direct export from the customs territory of the Community of national treasures having artistic, historic or archaeological value which are not cultural goods within the meaning of this Regulation is subject to the national law of the Member State of export.

Article 3

Competent authorities

1.   Member States shall furnish the Commission with a list of the authorities empowered to issue export licences for cultural goods.

2.   The Commission shall publish a list of the authorities and any amendment to that list in the ‘C’ series of the Official Journal of the European Union.

Article 4

Presentation of licence

The export licence shall be presented, in support of the export declaration, when the customs export formalities are carried out, at the customs office which is competent to accept that declaration.

Article 5

Limitation of competent customs offices

1.   Member States may restrict the number of customs offices empowered to handle formalities for the export of cultural goods.

2.   Member States availing themselves of the option afforded by paragraph 1 shall inform the Commission of the customs offices duly empowered.

The Commission shall publish this information in the ‘C’ series of the Official Journal of the European Union.

Article 6

Administrative cooperation

For the purposes of implementing this Regulation, the provisions of Regulation (EC) No 515/97, and in particular the provisions on the confidentiality of information, shall apply mutatis mutandis.

In addition to the cooperation provided for under the first paragraph, Member States shall take all necessary steps to establish, in the context of their mutual relations, cooperation between the customs authorities and the competent authorities referred to in Article 4 of Directive 93/7/EEC.

Article 7

Implementing measures

The measures necessary for the implementation of this Regulation, in particular those concerning the form to be used (for example, the model and technical properties) shall be adopted in accordance with the procedure referred to in Article 8(2).

Article 8

Committee

1.   The Commission shall be assisted by a committee.

2.   Where reference is made to this paragraph, Articles 3 and 7 of Decision 1999/468/EC shall apply.

Article 9

Penalties

The Member States shall lay down the rules on penalties applicable to infringements of the provisions of this Regulation and shall take all measures necessary to ensure that they are implemented. The penalties provided for must be effective, proportionate and dissuasive.

Article 10

Reporting

1.   Each Member State shall inform the Commission of the measures taken pursuant to this Regulation.

The Commission shall pass on this information to the other Member States.

2.   Every three years the Commission shall present a report to the European Parliament, the Council and the European Economic and Social Committee on the implementation of this Regulation.

The Council, acting on a proposal from the Commission, shall examine every three years and, where appropriate, update the amounts indicated in Annex I, on the basis of economic and monetary indicators in the Community.

Article 11

Repeal

Regulation (EEC) No 3911/92, as amended by the Regulations listed in Annex II, is repealed.

References to the repealed Regulation shall be construed as references to this Regulation and shall be read in accordance with the correlation table in Annex III.

Article 12

Entry into force

This Regulation shall enter into force on the 20th day following its publication in the Official Journal of the European Union.

This Regulation shall be binding in its entirety and directly applicable in all Member States.

Done at Brussels, 18 December 2008.

For the Council

The President

M. BARNIER

(1)  OJ L 395, 31.12.1992, p. 1.

(2)  See Annex II.

(3)  OJ L 184, 17.7.1999, p. 23.

(4)  OJ L 82, 22.3.1997, p. 1.

(5)  OJ L 74, 27.3.1993, p. 74.

ANNEX I

Categories of cultural objects covered by Article 1

1.

Archaeological objects more than 100 years old which are the products of:

 

excavations and finds on land or under water

9705 00 00

archaeological sites

9706 00 00

archaeological collections

2.

Elements forming an integral part of artistic, historical or religious monuments which have been dismembered, of an age exceeding 100 years

9705 00 00

9706 00 00

3.

Pictures and paintings, other than those included in categories 4 or 5, executed entirely by hand in any medium and on any material (1)

9701

4.

Watercolours, gouaches and pastels executed entirely by hand on any material (1)

9701

5.

Mosaics in any material executed entirely by hand, other than those falling in categories 1 or 2, and drawings in any medium executed entirely by hand on any material (1)

6914

9701

6.

Original engravings, prints, serigraphs and lithographs with their respective plates and original posters (1)

Chapter 49

9702 00 00

8442 50 99

7.

Original sculptures or statuary and copies produced by the same process as the original (1), other than those in category 1

9703 00 00

8.

Photographs, films and negatives thereof (1)

3704

3705

3706

4911 91 80

9.

Incunabula and manuscripts, including maps and musical scores, singly or in collections (1)

9702 00 00

9706 00 00

4901 10 00

4901 99 00

4904 00 00

4905 91 00

4905 99 00

4906 00 00

10.

Books more than 100 years old, singly or in collections

9705 00 00

9706 00 00

11.

Printed maps more than 200 years old

9706 00 00

12.

Archives, and any elements thereof, of any kind or any medium which are more than 50 years old

3704

3705

3706

4901

4906

9705 00 00

9706 00 00

13.

(a)

Collections (2) and specimens from zoological, botanical, mineralogical or anatomical collections;

9705 00 00

(b)

Collections (2) of historical, palaeontological, ethnographic or numismatic interest

9705 00 00

14.

Means of transport more than 75 years old

9705 00 00

Chapters 86-89

15.

Any other antique items not included in categories A.1 to A.14

 

(a)

between 50 and 100 years old

 

toys, games

Chapter 95

glassware

7013

articles of goldsmiths’ or silversmiths’ wares

7114

furniture

Chapter 94

optical, photographic or cinematographic apparatus

Chapter 90

musical instruments

Chapter 92

clocks and watches and parts thereof

Chapter 91

articles of wood

Chapter 44

pottery

Chapter 69

tapestries

5805 00 00

carpets

Chapter 57

wallpaper

4814

arms

Chapter 93

(b)

more than 100 years old

9706 00 00

The cultural objects in categories A.1 to A.15 are covered by this Regulation only if their value corresponds to, or exceeds, the financial thresholds under B.

B.   Financial thresholds applicable to certain categories under A (in euro)

Value:

 

Whatever the value

1 (Archaeological objects)

2 (Dismembered monuments)

9 (Incunabula and manuscripts)

12 (Archives)

 

15 000

5 (Mosaics and drawings)

6 (Engravings)

8 (Photographs)

11 (Printed maps)

 

30 000

4 (Watercolours, gouaches and pastels)

 

50 000

7 (Statuary)

10 (Books)

13 (Collections)

14 (Means of transport)

15 (Any other object)

 

150 000

3 (Pictures)

The assessment of whether or not the conditions relating to financial value are fulfilled must be made when an application for an export licence is submitted. The financial value is that of the cultural object in the Member State referred to in Article 2(2).

For the Member States which do not have the euro as their currency, the values expressed in euro in Annex I shall be converted and expressed in national currencies at the rate of exchange on 31 December 2001 published in the Official Journal of the European Communities. This countervalue in national currencies shall be reviewed every two years with effect from 31 December 2001. Calculation of this countervalue shall be based on the average daily value of those currencies, expressed in euro, during the 24 months ending on the last day of August preceding the revision which takes effect on 31 December. This method of calculation shall be reviewed, on a proposal from the Commission, by the Advisory Committee on Cultural Goods, in principle two years after the first application. For each revision, the values expressed in euro and their countervalues in national currency shall be published periodically in the Official Journal of the European Union in the first days of the month of November preceding the date on which the revision takes effect.

(1)  Which are more than 50 years old and do not belong to their originators.

(2)  As defined by the Court of Justice in its judgment in Case 252/84, as follows: ‘Collectors’ pieces within the meaning of heading No 97.05 of the Common Customs Tariff are articles which possess the requisite characteristics for inclusion in a collection, that is to say, articles which are relatively rare, are not normally used for their original purpose, are the subject of special transactions outside the normal trade in similar utility articles and are of high value’.

ANNEX II

Repealed Regulation with its successive amendments

Council Regulation (EEC) No 3911/92

(OJ L 395, 31.12.1992, p. 1)

 

Council Regulation (EC) No 2469/96

(OJ L 335, 24.12.1996, p. 9)

 

Council Regulation (EC) No 974/2001

(OJ L 137, 19.5.2001, p. 10)

 

Council Regulation (EC) No 806/2003

(OJ L 122, 16.5.2003, p. 1)

Annex I, point 2 only

ANNEX III

CORRELATION TABLE

Regulation (EEC) No 3911/92

This Regulation

Article 1

Article 1

Article 2(1)

Article 2(1)

Article 2(2), first subparagraph, introductory wording

Article 2(2), first subparagraph, introductory wording

Article 2(2), first subparagraph, first indent

Article 2(2), first subparagraph, point (a)

Article 2(2), first subparagraph, second indent

Article 2(2), first subparagraph, point (b)

Article 2(2), second subparagraph

Article 2(2), second subparagraph

Article 2(2), third subparagraph

Article 2(2), third subparagraph

Article 2(2), fourth subparagraph

Article 2(2), fourth subparagraph

Article 2(3)

Article 2(3)

Article 2(4)

Article 2(4)

Articles 3 to 9

Articles 3 to 9

Article 10, first paragraph

Article 10(1), first subparagraph

Article 10, second paragraph

Article 10(1), second subparagraph

Article 10, third paragraph

Article 10(2), first subparagraph

Article 10, fourth paragraph

Article 10, fifth paragraph

Article 10(2), second subparagraph

Article 11

Article 11

Article 12

Annex, points A.1, A.2 and A.3

Annex I, points A.1, A.2 and A.3

Annex, point A.3A

Annex I, point A.4

Annex, point A.4

Annex I, point A.5

Annex, point A.5

Annex I, point A.6

Annex, point A.6

Annex I, point A.7

Annex, point A.7

Annex I, point A.8

Annex, point A.8

Annex I, point A.9

Annex, point A.9

Annex I, point A.10

Annex, point A.10

Annex I, point A.11

Annex, point A.11

Annex I, point A.12

Annex, point A.12

Annex I, point A.13

Annex, point A.13

Annex I, point A.14

Annex, point A.14

Annex I, point A.15

Annex, point B

Annex I, point B

Annex II

Annex III

Trascina file per caricare

REGOLAMENTO (CE) N. 116/2009 DEL CONSIGLIO

del 18 dicembre 2008

relativo all'esportazione di beni culturali

(Versione codificata)

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 133,

vista la proposta della Commissione,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992, relativo all'esportazione di beni culturali (1), è stato modificato in modo sostanziale e a più riprese (2). A fini di razionalità e chiarezza occorre provvedere alla codificazione di tale regolamento.

(2)

Ai fini del mantenimento del mercato interno è necessario adottare una normativa per gli scambi con i paesi terzi, la quale assicuri la protezione dei beni culturali.

(3)

Sembra necessario prendere misure in particolare per garantire che le esportazioni di beni culturali siano sottoposte a controlli uniformi alle frontiere esterne della Comunità.

(4)

Un siffatto sistema dovrebbe prevedere l'obbligo di presentare una licenza rilasciata dallo Stato membro competente, prima dell'esportazione dei beni culturali contemplati dal presente regolamento. Ciò richiede una precisa definizione del campo di applicazione di dette misure e delle loro modalità di attuazione. La realizzazione del sistema dovrebbe presentare la massima semplicità ed efficacia.

(5)

Le misure necessarie per l'attuazione del presente regolamento dovrebbero essere adottate secondo la decisione 1999/468/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, recante modalità per l'esercizio delle competenze di esecuzione conferite alla Commissione (3).

(6)

Data la notevole esperienza acquisita dalle autorità degli Stati membri nell'applicare il regolamento (CE) n. 515/97 del Consiglio, del 13 marzo 1997, relativo alla mutua assistenza tra le autorità amministrative degli Stati membri e alla collaborazione tra queste e la Commissione per assicurare la corretta applicazione delle normative doganale e agricola (4), detto regolamento dovrebbe essere applicato nel presente settore.

(7)

L'allegato I del presente regolamento ha lo scopo di definire le categorie di beni culturali che dovrebbero formare oggetto di particolare protezione negli scambi con i paesi terzi, ferma restando la libertà degli Stati membri di definire i beni da considerare patrimonio nazionale ai sensi dell'articolo 30 del trattato,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Definizione

Fatti salvi i poteri degli Stati membri ai sensi dell'articolo 30 del trattato, per «beni culturali» s'intendono, ai fini del presente regolamento, i beni elencati nell'allegato I.

Articolo 2

Licenza di esportazione

1.   L'esportazione di beni culturali al di fuori del territorio della Comunità è subordinata alla presentazione di una licenza di esportazione.

2.   La licenza di esportazione è rilasciata, su richiesta dell'interessato:

a)

da un'autorità competente dello Stato membro sul cui territorio si trovava lecitamente e definitivamente il bene culturale alla data del 1o gennaio 1993;

b)

oppure, dopo la suddetta data, da un'autorità competente dello Stato membro sul cui territorio il bene culturale si trova dopo essere stato lecitamente e definitivamente spedito da un altro Stato membro o dopo essere stato importato da un paese terzo o reimportato da un paese terzo in seguito a una spedizione lecita da uno Stato membro verso detto paese terzo.

Tuttavia, fermo restando il paragrafo 4, lo Stato membro competente conformemente al primo comma, lettera a) o lettera b), può non richiedere licenze di esportazione per i beni culturali elencati nell'allegato I, categoria A.1, primo e secondo trattino, qualora detti beni abbiano un interesse archeologico o scientifico limitato e purché non provengano direttamente da scavi, scoperte o siti archeologici in uno Stato membro e la loro presenza sul mercato sia lecita.

La licenza di esportazione può essere negata, ai sensi del presente regolamento, qualora i beni culturali in questione siano contemplati da una legislazione che tutela il patrimonio nazionale avente valore artistico, storico o archeologico nello Stato membro di cui trattasi.

Se necessario, l'autorità di cui al primo comma, lettera b), prende contatto con le autorità competenti dello Stato membro da cui il bene culturale proviene, in particolare le autorità competenti ai sensi della direttiva 93/7/CEE del Consiglio, del 15 marzo 1993, relativa alla restituzione dei beni culturali usciti illecitamente dal territorio di uno Stato membro (5).

3.   La licenza di esportazione è valida in tutta la Comunità.

4.   Fatte salve le disposizioni dei paragrafi da 1 a 3, l'esportazione diretta dal territorio doganale della Comunità di beni del patrimonio nazionale di valore artistico, storico o archeologico che non rientrano nella definizione di beni culturali ai sensi del presente regolamento è soggetta alla normativa nazionale dello Stato membro di esportazione.

Articolo 3

Autorità competenti

1.   Gli Stati membri comunicano alla Commissione l'elenco delle autorità competenti per il rilascio delle licenze di esportazione di beni culturali.

2.   La Commissione pubblica l'elenco di queste autorità, nonché le eventuali modifiche dello stesso, nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, serie C.

Articolo 4

Presentazione della licenza

La licenza di esportazione è presentata, a sostegno della dichiarazione di esportazione, al momento dell'espletamento delle formalità doganali di esportazione, presso l'ufficio doganale competente per accettare tale dichiarazione.

Articolo 5

Restrizione del numero degli uffici doganali competenti

1.   Gli Stati membri possono limitare il numero degli uffici doganali competenti per espletare le formalità di esportazione di beni culturali.

2.   Quando si avvalgono della possibilità di cui al paragrafo 1, gli Stati membri comunicano alla Commissione l'elenco degli uffici doganali debitamente abilitati.

La Commissione pubblica tali informazioni nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, serie C.

Articolo 6

Cooperazione amministrativa

Ai fini dell'attuazione del presente regolamento, si applicano mutatis mutandis le disposizioni del regolamento (CE) n. 515/97, in particolare quelle relative alla riservatezza delle informazioni.

Oltre a cooperare ai sensi del primo comma, gli Stati membri fanno tutto il necessario per stabilire, sul piano dei loro rapporti reciproci, una cooperazione tra le autorità doganali e le autorità competenti di cui all'articolo 4 della direttiva 93/7/CEE.

Articolo 7

Misure di attuazione

Le misure necessarie all'attuazione del presente regolamento, in particolare quelle relative al formulario da utilizzare (ad esempio, il modello e le caratteristiche tecniche), sono adottate secondo la procedura di cui all'articolo 8, paragrafo 2.

Articolo 8

Comitato

1.   La Commissione è assistita da un comitato.

2.   Nei casi in cui è fatto riferimento al presente paragrafo, si applicano gli articoli 3 e 7 della decisione 1999/468/CE.

Articolo 9

Sanzioni

Gli Stati membri determinano le sanzioni da irrogare in caso di violazione delle norme del presente regolamento e adottano ogni provvedimento necessario per assicurare l’applicazione delle sanzioni stesse. Le sanzioni devono essere efficaci, proporzionate e dissuasive.

Articolo 10

Relazione

1.   Ogni Stato membro informa la Commissione delle misure che prende per l'esecuzione del presente regolamento.

La Commissione comunica tali informazioni agli altri Stati membri.

2.   Ogni tre anni, la Commissione trasmette al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale europeo una relazione sull'attuazione del presente regolamento.

Il Consiglio, su proposta della Commissione, procede ogni tre anni a esaminare e se del caso a rivalutare gli importi indicati nell'allegato I, per tener conto degli indicatori economici e monetari nella Comunità.

Articolo 11

Abrogazione

Il regolamento (CEE) n. 3911/92, come modificato dai regolamenti elencati all'allegato II, è abrogato.

I riferimenti al regolamento abrogato si intendono fatti al presente regolamento e si leggono secondo la tavola di concordanza dell’allegato III.

Articolo 12

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, addì 18 dicembre 2008.

Per il Consiglio

Il presidente

M. BARNIER


(1)  GU L 395 del 31.12.1992, pag. 1.

(2)  Cfr. allegato II.

(3)  GU L 184 del 17.7.1999, pag. 23.

(4)  GU L 82 del 22.3.1997, pag. 1.

(5)  GU L 74 del 27.3.1993, pag. 74.


ALLEGATO I

Categorie di beni culturali di cui all'articolo 1

1.

Reperti archeologici aventi più di 100 anni, provenienti da:

 

scavi e scoperte terrestri o sottomarini

9705 00 00

siti archeologici

9706 00 00

collezioni archeologiche

2.

Elementi costituenti parte integrante di monumenti artistici, storici o religiosi e provenienti dallo smembramento dei monumenti stessi, aventi più di 100 anni

9705 00 00

9706 00 00

3.

Quadri e pitture diversi da quelli appartenenti alla categoria 4 o 5, fatti interamente a mano, su qualsiasi supporto e con qualsiasi materiale (1)

9701

4.

Acquerelli, guazzi e pastelli eseguiti interamente a mano, su qualsiasi supporto (1)

9701

5.

Mosaici, diversi da quelli delle categorie 1 o 2, realizzati interamente a mano, con qualsiasi materia, e disegni fatti interamente a mano su qualsiasi supporto e con qualsiasi materia (1)

6914

9701

6.

Incisioni, stampe, serigrafie e litografie originali e relative matrici, nonché manifesti originali (1)

Capitolo 49

9702 00 00

8442 50 99

7.

Opere originali dell'arte statuaria o dell'arte scultoria e copie ottenute con il medesimo procedimento dell'originale (1), diverse da quelle della categoria 1

9703 00 00

8.

Fotografie, film e relativi negativi (1)

3704

3705

3706

4911 91 80

9.

Incunaboli e manoscritti, comprese le carte geografiche e gli spartiti musicali, isolati o in collezione (1)

9702 00 00

9706 00 00

4901 10 00

4901 99 00

4904 00 00

4905 91 00

4905 99 00

4906 00 00

10.

Libri aventi più di 100 anni, isolati o in collezione

9705 00 00

9706 00 00

11.

Carte geografiche stampate aventi più di 200 anni

9706 00 00

12.

Archivi di qualsiasi natura e supporto, comprendenti elementi aventi più di 50 anni

3704

3705

3706

4901

4906

9705 00 00

9706 00 00

13.

a)

Collezioni (2) ed esemplari provenienti da collezioni di zoologia, botanica, mineralogia, anatomia

9705 00 00

b)

Collezioni (2) aventi interesse storico, paleontologico, etnografico o numismatico

9705 00 00

14.

Mezzi di trasporto aventi più di 75 anni

9705 00 00

Capitoli 86-89

15.

Altri oggetti d'antiquariato non contemplati dalle categorie da A.1 a A.14

 

a)

aventi fra 50 e 100 anni:

 

giocattoli, giochi

Capitolo 95

vetrerie

7013

articoli di oreficeria

7114

mobili e oggetti d'arredamento

Capitolo 94

strumenti ottici, fotografici o cinematografici

Capitolo 90

strumenti musicali

Capitolo 92

orologi

Capitolo 91

opere in legno

Capitolo 44

vasellame

Capitolo 69

arazzi

5805 00 00

tappeti

Capitolo 57

carte da parati

4814

armi

Capitolo 93

b)

aventi più di 100 anni

9706 00 00

I beni culturali rientranti nelle categorie da A.1 a A.15 sono disciplinati dal presente regolamento soltanto se il loro valore è pari o superiore ai valori di cui al punto B.

B.   Valori applicabili a talune categorie di cui al punto A (in EUR)

Valori:

 

qualunque ne sia il valore

1 (Reperti archeologici)

2 (Smembramento di monumenti)

9 (Incunaboli e manoscritti)

12 (Archivi)

 

15 000

5 (Mosaici e disegni)

6 (Incisioni)

8 (Fotografie)

11 (Carte geografiche stampate)

 

30 000

4 (acquerelli, guazzi e pastelli)

 

50 000

7 (Arte statuaria)

10 (Libri)

13 (Collezioni)

14 (Mezzi di trasporto)

15 (Altri oggetti)

 

150 000

3 (Quadri)

Il rispetto delle condizioni relative ai valori deve essere accertato al momento della presentazione della domanda di licenza di esportazione. Il valore è quello del bene culturale nello Stato membro di cui all'articolo 2, paragrafo 2, del regolamento.

Per gli Stati membri che non adottano l'euro, i valori espressi in euro nell'allegato I sono convertiti e espressi nelle monete nazionali al tasso di cambio del 31 dicembre 2001 pubblicato nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. Tale controvalore nelle monete nazionali è rivisto ogni due anni dal 31 dicembre 2001 in poi. Il calcolo del controvalore si basa sulla media del valore quotidiano di tali monete, espresso in euro, relativo al periodo di ventiquattro mesi terminante l'ultimo giorno del mese di agosto che precede la revisione avente effetto dal 31 dicembre. Questo metodo di calcolo è riesaminato, su proposta della Commissione, dal comitato consultivo dei beni culturali, in linea di principio due anni dopo la prima applicazione. Per ogni revisione i valori espressi in euro e i loro controvalori in moneta nazionale sono periodicamente pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea nei primi giorni del mese di novembre precedente la data da cui ha effetto la revisione.


(1)  Aventi più di 50 anni e non appartenenti all'autore.

(2)  Quali definite dalla Corte di giustizia nella sentenza n. 252/84: «Gli oggetti da collezione ai sensi della voce 97.05 della TDC sono quelli che possiedono le qualità richieste per far parte di una collezione, cioè gli oggetti relativamente rari, che non sono normalmente usati secondo la loro destinazione originaria, che formano oggetto di transazioni speciali al di fuori del mercato abituale degli analoghi oggetti di uso comune e hanno un valore elevato.»

 

ALLEGATO II

Regolamento abrogato e sue modificazioni successive

Regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio

(GU L 395 del 31.12.1992, pag. 1)

 

Regolamento (CE) n. 2469/96 del Consiglio

(GU L 335 del 24.12.1996, pag. 9)

 

Regolamento (CE) n. 974/2001 del Consiglio

(GU L 137 del 19.5.2001, pag. 10)

 

Regolamento (CE) n. 806/2003 del Consiglio

(GU L 122 del 16.5.2003, pag. 1)

limitatamente all’allegato I, punto 2


ALLEGATO III

TAVOLA DI CONCORDANZA

Regolamento (CEE) n. 3911/92

Presente regolamento

Articolo 1

Articolo 1

Articolo 2, paragrafo 1

Articolo 2, paragrafo 1

Articolo 2, paragrafo 2, primo comma, alinea

Articolo 2, paragrafo 2, primo comma, alinea

Articolo 2, paragrafo 2, primo comma, primo trattino

Articolo 2, paragrafo 2, primo comma, lettera a)

Articolo 2, paragrafo 2, primo comma, secondo trattino

Articolo 2, paragrafo 2, primo comma, lettera b)

Articolo 2, paragrafo 2, secondo comma

Articolo 2, paragrafo 2, secondo comma

Articolo 2, paragrafo 2, terzo comma

Articolo 2, paragrafo 2, terzo comma

Articolo 2, paragrafo 2, quarto comma

Articolo 2, paragrafo 2, quarto comma

Articolo 2, paragrafo 3

Articolo 2, paragrafo 3

Articolo 2, paragrafo 4

Articolo 2, paragrafo 4

Articoli da 3 a 9

Articoli da 3 a 9

Articolo 10, primo comma

Articolo 10, paragrafo 1, primo comma

Articolo 10, secondo comma

Articolo 10, paragrafo 1, secondo comma

Articolo 10, terzo comma

Articolo 10, paragrafo 2, primo comma

Articolo 10, quarto comma

Articolo 10, quinto comma

Articolo 10, paragrafo 2, secondo comma

Articolo 11

Articolo 11

Articolo 12

Allegato, punti A.1, A.2 e A.3

Allegato I, punti A.1, A.2 e A.3

Allegato, punto A.3 bis

Allegato I, punto A.4

Allegato, punto A.4

Allegato I, punto A.5

Allegato, punto A.5

Allegato I, punto A.6

Allegato, punto A.6

Allegato I, punto A.7

Allegato, punto A.7

Allegato I, punto A.8

Allegato, punto A.8

Allegato I, punto A.9

Allegato, punto A.9

Allegato I, punto A.10

Allegato, punto A.10

Allegato I, punto A.11

Allegato, punto A.11

Allegato I, punto A.12

Allegato, punto A.12

Allegato I, punto A.13

Allegato, punto A.13

Allegato I, punto A.14

Allegato, punto A.14

Allegato I, punto A.15

Allegato, punto B

Allegato I, punto B

Allegato II

Allegato III

Trascina file per caricare