Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

CODICE CIVILE

Repubblica Popolare Ungherese

del 1960

 

Art. 1

1) La presente legge regolamenta i rapporti patrimoniali e alcuni rapporti personali esistenti fra cittadini, organismi statali e sociali, al fine di soddisfare in maniera pianificata e progressiva le necessità della società nell’interesse dell’edificazione del socialismo.

2) L’interpretazione delle disposizioni di questa legge deve essere in armonia con l’ordine economico e sociale della Repubblica Popolare Ungherese.

Art. 2

[...]

2) Il libero esercizio dei diritti derivanti ai cittadini e alle loro organizzazioni è garantito dalla legge, in conformità con la funzione sociale di questi diritti.

[...]

Art. 5

1) La legge proibisce l’esercizio abusivo dei diritti.

2) L’esercizio di un diritto è abusivo quando tende a un fine incompatibile con la destinazione sociale del diritto e in particolare quando provocherebbe il danno dell’economia nazionale, l’oppressione dei cittadini, una violazione dei loro diritti e interessi legittimi o l’acquisizione di vantaggi non dovuti.

3) Quando l’esercizio abusivo di un diritto consiste nel rifiuto di fare una dichiarazione prescritta da una norma giuridica e quando questo rifiuto porta pregiudizio ad un interesse pubblico importante o a un interesse privato degno di un’attenzione particolare (per es. forme di proprietà sociale), il tribunale può con giudizio supplire alla dichiarazione della parte, posto che il pregiudizio causato agli interessi non possa essere riparato altrimenti. È in particolare il caso quando la dichiarazione è stata legata alla condizione di beneficiare di un vantaggio non dovuto.

[...]

Art. 8

[...]

2) La capacità giuridica è uguale per tutti, senza distinzione di età, di sesso, di nazionalità o di confessione.

[...]

Art. 81

1) I diritti della persona sono protetti dalla legge.

2) Ogni discriminazione pregiudizievole secondo il sesso, la nazionalità o la religione, ogni pregiudizio portato alla libertà di coscienza dei cittadini, ogni restrizione della libertà personale e ogni attentato all’integrità corporale e all’onere sono attentati ai diritti propri della persona dei cittadini.

[...]

© GB FB

Trascina file per caricare