Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

ORDINANZA DEL MINISTERO DELLA SANITÀ SULLA RETRIBUZIONE DEI

CAPPELLANI OSPEDALIERI

 

del 16 dicembre 1950, n. L. III. 2226/2/50

 

In relazione alla Circolare n. 63/50 del 5 agosto 1950, ordino quanto segue:

1. - Le direzioni delle case di cura sono obbligate a stipulare dei contratti di incarico con quegli ecclesiastici che sono stati assunti come cappellani dell’ospedale.

2. - Il contratto di incarico deve fissare l’importo della retribuzione forfettaria e attestare che all’incaricato non spettano, in base a questo contratto, né i servizi sociali, né sconti sulle ferrovie, né l’appartamento.

3. - La retribuzione va fissata entro i limiti compresi fra i 150 e i 300 zloty, in base al carattere della casa di cura.

4. - In ogni caso la direzione della casa di cura è obbligata a concordare l’importo della retribuzione con il dirigente del dipartimento della sanità e con quello della sezione per gli affari ecclesiastici del Presidium del Consiglio popolare di Voivodato.

5. - L’ecclesiastico può essere contemporaneamente cappellano di diverse case di cura e, in questo caso, la direzione di ogni casa di cura deve stipulare con lui un contratto particolare.

 

 

Trascina file per caricare