Print Friendly

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

PROVISIONAL INSTITUTIONS OF SELF GOVERNMENT

KUVENDI I KOSOVËS

CKҮΠШТИНА KOCOВA

ASSEMBLY OF KOSOVO

Law No. 02/L-31

ON FREEDOM OF RELIGION IN KOSOVO

Assembly of Kosovo,

Pursuant to Chapters 3.1, 3.2, 5.7 and 9.1.26(a) on the Constitutional Framework for Provisional Self-Government in Kosovo (UNMIK Regulation No. 2001/9 dated from 15 May 2001), and standards on human rights and liberties covered by international and regional declarations and conventions under the competence of the Council of Europe, Proceeding from the fact that freedom of religion and belief is a fundamental human right, among other internationally recognized fundamental principals and standards on the freedom of expression, conscience and religion, Affirming the right of all, without discrimination on any ground and in full equality

before the law, to freedom of expression, conscience and religion, regardless of religious conviction or conscience, Proceeding from the tradition of the common religious life in Kosovo Aware of our heritage and the traditional values of tolerance, common life and the multireligious character of Kosovo, Endeavoring to define unique legal provisions, which will provide equal rights and obligations to religious communities, without any discrimination, Recognizing the importance for further progress of mutual understanding, tolerance and awareness, and respect of the freedom of expression, conscience and religion; Hereby adopts the following:

LAW ON FREEDOM OF RELIGION IN KOSOVO

Article 1

Freedom of Religion

1.1. Everyone has the right to freedom of thought, conscience and religion. This right includes the freedom to have, not to have, to retain or to change one’s religion or belief and the freedom, either alone or in community with others, in public or in private, to manifest one’s religion or belief, in worship, teaching, practice and observance.

1.2. The right of freedom, religion or belief shall include, inter alia, the following freedoms:

a. To worship or assemble in connection with a religion or belief, and to establish and maintain places for these purposes;

b. To establish and govern charitable or humanitarian institutions;

c. To make, acquire and use the necessary articles and materials related to the rites or customs of a religion or belief;

d. To write, issue and disseminate relevant publications in these areas;

e. To teach a religion or belief in places dedicated for these purposes;

f. To solicit and receive financial contributions and other voluntary contributions from individuals and institutions;

g. To train, appoint, elect or designate by succession their leaders called for by the requirements and standards of any religion or belief;

h. To respect days of rest and to celebrate holidays and ceremonies in accordance with the precepts of one's religion or belief; and;

i. To establish and maintain communications with individuals and communities in matters of religion and belief at the national and international levels.

1.3. The freedom to express one’s religion or belief shall only be subject to limitations as are prescribed by law and are necessary in a democratic society to ensure public order and safety, to protect public health and morals, human rights and fundamental freedoms of others.

Article 2

Protection from Discrimination

2.1. No one shall be discriminated or privileged in any way on the basis of religious

convictions, of belonging or not belonging to a religious denomination or of the observance

of religious ceremonies and rituals.

2.2. No one shall be hindered or forced to participate in religious ceremonies or in other

forms of manifestation of religious conviction.

Article 3

Religious Equality

All persons, regardless of their belief or conviction or affiliation to any religious denomination, or participation in any religious ceremony, are equal before the law and

are entitled to the same rights in their civil, political, economic, social and cultural life. All legal and natural persons are entitled to equal protection by law.

Article 4

Protection by Penal Law

4.1. The right to manifest one’s religion or belief may not be abused by inciting, provoking or

stimulating, religious or racial intolerance or hatred, by impairing the right to life, the right to

physical or mental health, the rights to children or the right to respect for private and family

integrity.

4.2. The assault of any religious official, the destruction or damage of any religious sites or facilities or other property of religious communities as well as any activities or acts aimed at the instigation, provocation or stimulation of religious hatred shall be punishable under the Provisional Criminal Code of Kosovo.

Article 5

Religious Neutrality

5.1. There shall be no official religion.

5.2. Religious communities shall be separated from public authorities.

5.3. All public authorities shall recognize tolerance and mutual respect among religions.

5.4. Religious communities in Kosovo enjoy all the rights with this Law.

5.5 Recognizing their identity and their specific contribution to society, the public authorities shall maintain an open, transparent and regular dialogue with religious

associations, religious communities in matters of common interest.

Article 6

Freedom of the Religious Association

6.1. The right of association for religious purposes is guaranteed in accordance with the Law in force in Kosovo.

6.2. The formation of a religious association which, by name or statute, purports to be

officially linked to or recognized by a specific religious community is prohibited without the consent of the said community.

Article 7

Self-Determination and Self-Regulation

7.1. Religious communities are free in the determination of their religious identity.

7.2. Religious communities shall independently regulate and administer their internal organization.

7.3. Religious communities are free in establishing and maintaining communication with individuals and communities at the national and international level as well as forming associations with other religious communities and groups at the national and international level in accordance with the Law in force.

Article 8

Places of Worship

8.1. Buildings and premises belong to religious communities dedicated to the performance of religious ceremonies are considered inviolable with regard to

governmental authorities’ intervention, unless a judicial order is issued due to illegal activities or in the case of imminent danger to life or health.

8.2. Unobstructed access by pilgrims, guests and persons who live permanently or temporarily in religious institutions or premises should be guaranteed. This obligation shall be taken into account for the application of the relevant provisions concerning residence and travel.

8.3. The possibility for religious communities to restrict access to their sites within the framework of self-administration shall be guaranteed in accordance with international standards.

Article 9

Religious Education

9.1. Religious communities are free to establish educational institutions for their needs pursuant to the Law in force.

9.2. The Law on Higher Education regulates the matter of theological studies at universities.

9.3. Schools run by religious communities shall be governed by the neutral application of relevant laws as are other private schools.

9.4. Everyone is free to choose or not to choose religious education according to personal convictions and beliefs. Parents or other legal guardians are entitled to determine the religious and ethic instruction for their children in accordance with their own convictions or beliefs.

9.5. The religious education and upbringing of a minor may not impair his or her physical or mental health or development.

Article 10

Freedom of Information

10.1. Religious communities and their institutions shall have the right, within the boundaries of the Constitution and the law, to publish information by using all forms of media.

10.2. Religious communities shall be obligated to clearly state their full name in any religious publications, periodicals, and other religious materials, correspondence and public announcements of activities.

10.3. Religious communities shall be entitled to equitable access to public media.

Article 11

Spiritual Counseling

11.1. With the aim of realizing religious freedom, public authorities shall take measures

to guarantee the availability of spiritual counseling in hospitals, in areas of custody or

imprisonment, as well as in social care institutions.

11.2. Religious ministers are exempted from the duty to testify in procedures before

public authorities and courts of law with respect to any facts or circumstances which they

learned in the course of their spiritual counseling.

Article 12

Financial Matters

12.1. Issues relating to duties, taxes and customs with regard to religious communities shall be governed by the Law in force.

12.2. Institutions of religious communities shall be exempt from the obligation to pay taxes or other general contributions, with regard to the following:

(a) Places of worship, other properties or parts of properties of religious communities that have as their direct purpose the realization of religious convictions or beliefs, including welfare and charitable objectives;

(b) Activities that have as their direct and exclusive purpose the realization of religious convictions or beliefs including welfare and charitable objectives; and

(c) Seminaries or other establishments for the training of religious ministers or teachers of religious education.

12.3. Religious communities shall retain the right to ownership, possession and enjoyment of their institutions, endowments, sacred objects and funds devoted to

worship, instruction and welfare.

12.4. Religious communities may receive financing from income from their property, from inheritance and gifts, from charitable and other voluntary contributions, as well as by performing other activities in compliance with the Law in force.

Article 13

Social Benefits

13.1. The clergy of religious communities enjoy the right to pension, health insurance and other rights based on the Law in force.

13.2. For implementation of their religious activities, religious communities may enter into legal relations and conclude contracts with the religious personnel and other

employees. The religious personnel and other employees, with whom the religious community has concluded activities, realize their rights pursuant to the work relations and the work performed, similar to other employed persons.

13.3. Regular attendees of religious schools and religious faculties are entitled to their health security rights, child benefits, pension and disability insurance, social assistance rights and public traffic rights, under the same manner and terms realized by attendees of public schools and faculties.

Article 14

The present law shall enter into force after adoption by the Assembly of Kosova on the date of its promulgation by the Special Representative of the Secretary-General.

 

 

 

Law No. 02/L-31 _____________________

13 July 2006 President of the Assembly Kolё Berisha

 

 

 

UNITED NATIONS NATIONS UNIES

United Nations Interim Mission d’Administration

Administration Mission Intérimaire des Nations Unies au

in Kosovo Kosovo

©FM-QL

 

Trascina file per caricare

Istituzioni provvisorie di autogoverno
KUVENDI I Kosoves
CKҮΠШТИНА KOCOВA
Assemblea del Kosovo
Legge n 02/L-31
SULLA LIBERTÀ DI RELIGIONE IN KOSOVO



Assemblea del Kosovo,
A norma del capitolo 3.1, 3.2, 5.7 e 9.1.26 (a) sul quadro costituzionale per l'autogoverno provvisorio in Kosovo (UNMIK regolamento n 2001/9 data dal 15 maggio 2001), e le norme in materia di diritti umani e delle libertà di cui dichiarazioni internazionali e regionali e le convenzioni di competenza del Consiglio d'Europa, procedendo dal fatto che la libertà di religione e di credo è un diritto umano fondamentale, tra gli altri principi fondamentali riconosciuti a livello internazionale e le norme sulla libertà di espressione, di coscienza e di religione, Affermando il diritto di tutti, senza discriminazioni di qualsiasi natura e in piena eguaglianza
davanti alla legge, alla libertà di espressione, di coscienza e di religione, a prescindere dalla convinzione religiosa o di coscienza, Procedendo dalla tradizione della vita religiosa comune in Kosovo Consapevoli del nostro patrimonio e dei valori tradizionali della tolleranza, della vita comune e il carattere multireligioso del Kosovo , cercando di definire le uniche disposizioni di legge, che prevedono parità di diritti e doveri alle comunità religiose, senza alcuna discriminazione, riconoscendo l'importanza di ulteriori progressi della reciproca comprensione, la tolleranza e la consapevolezza e il rispetto della libertà di espressione, di coscienza e di religione; la presente adotta il seguente:


LEGGE SULLA LIBERTÀ DI RELIGIONE IN KOSOVO


Articolo 1
Libertà di religione
1,1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. Tale diritto include la libertà di avere, non avere, mantenere o cambiare la propria religione o credo e la libertà, da soli o in comunità con altri, in pubblico o in privato, per manifestare la propria religione o il proprio credo, nel culto, insegnando , le pratiche e l'osservanza.
1,2. Il diritto della libertà, la religione o le convinzioni comprendono, tra l'altro, le seguenti libertà:
uno. Per adorare o assemblare in relazione a una religione o convinzioni personali, e di stabilire e mantenere posti per tali scopi;
b. Per creare e governare le istituzioni caritative e umanitarie;
c. Per fare, acquistare e utilizzare gli articoli necessari e materiali relativi ai riti e delle usanze di una religione o di credo;
d. Per scrivere, pubblicare e diffondere pubblicazioni più rilevanti in questi settori;
e. Per insegnare una religione o le convinzioni personali nei luoghi dedicati a tali fini;
f. Per sollecitare e ricevere contributi finanziari e di altri contributi volontari di individui e istituzioni;
g. Per formare, nominare, eleggere o designare per successione i loro leader hanno chiesto i requisiti e gli standard di qualsiasi religione o credo;
h. Per rispettare i giorni di riposo e per celebrare le feste e cerimonie in conformità con i precetti della propria religione o credo, e;
i. Per stabilire e mantenere comunicazioni con individui e comunità in materia di religione e di credo a livello nazionale e internazionale.
1,3. La libertà di esprimere la propria religione o le convinzioni soltanto essere soggetti a limitazioni che sono stabilite dalla legge e necessarie in una società democratica per garantire l'ordine pubblico e sicurezza, per tutelare la salute pubblica e della morale, i diritti umani e delle libertà fondamentali degli altri.

Articolo 2
Protezione contro la discriminazione
2,1. Nessuno può essere discriminato o privilegiato in alcun modo sulla base dei religiosi
convinzioni, di appartenere o meno ad una confessione religiosa o di osservanza
delle cerimonie religiose e rituali.
2,2. Nessuno può essere ostacolato o costretti a partecipare a cerimonie religiose o in altri
forme di manifestazione della convinzione religiosa.

Articolo 3
Uguaglianza religiosa
Tutte le persone, indipendentemente dal loro credo o convinzione o appartenenza ad alcuna confessione religiosa, o la partecipazione a una cerimonia religiosa, sono eguali dinanzi alla legge e
hanno diritto agli stessi diritti nella loro vita civile, politica, economica, sociale e culturale. Tutte le persone fisiche e giuridiche hanno diritto ad una eguale tutela dalla legge.

Articolo 4
Protezione dalla legge penale
4,1. Il diritto di manifestare la propria religione o il proprio credo non può essere abusato da incitare, provocare o
stimolante, l'intolleranza religiosa o razziale o di odio, ostacolando il diritto alla vita, il diritto alla
salute fisica o mentale, i diritti per i bambini o il diritto al rispetto della vita privata e familiare
integrità.
4,2. L'assalto di un funzionario religioso, la distruzione o il danneggiamento di altri siti religiosi o attrezzature o altri beni delle comunità religiose, nonché ogni altra attività o atti finalizzati alla provocazione istigazione, o la stimolazione di odio religioso è punito ai sensi del Codice Penale Provvisorio Kosovo.

Articolo 5
Neutralità religiosa
5,1. Non vi sarà alcuna religione ufficiale.
5,2. Le comunità religiose devono essere separati da parte delle autorità pubbliche.
5,3. Tutte le autorità pubbliche riconoscono tolleranza e rispetto reciproco tra le religioni.
5,4. Le comunità religiose in Kosovo godere di tutti i diritti con questa legge.
5,5 Riconoscere la loro identità e il contributo specifico alla società, le autorità pubbliche devono mantenere un dialogo aperto, trasparente e regolare con religiosa
associazioni, comunità religiose in materia di interesse comune.

Articolo 6
La libertà di associazione religiosa
6,1. Il diritto di associazione per fini religiosi è garantito in conformità con la legge in vigore in Kosovo.
6,2. La formazione di un'associazione religiosa che, in base al nome o statuto, che si presume essere
ufficialmente collegato o riconosciuto da una determinata comunità religiosa è vietata senza il consenso della comunità ha detto.

Articolo 7
Autodeterminazione e di autoregolamentazione
7,1. Le comunità religiose sono libere nella determinazione della loro identità religiosa.
7,2. Le comunità religiose in modo indipendente regolare e gestire la loro organizzazione interna.
7,3. Le comunità religiose sono libere di stabilire e mantenere la comunicazione con persone e comunità a livello nazionale e internazionale nonché le associazioni che formano con le altre comunità religiose e dei gruppi a livello nazionale ed internazionale in conformità con la legge in vigore.


Articolo 8
Luoghi di culto
8,1. Edifici e locali appartengono a comunità religiose dedicate allo svolgimento di cerimonie religiose sono considerati inviolabili per quanto riguarda la
l'intervento delle autorità governative, a meno che un provvedimento giudiziario viene emesso a causa di attività illegali o in caso di pericolo imminente per la vita o la salute.
8,2. Libero accesso dei pellegrini, ospiti e le persone che vivono stabilmente o temporaneamente in istituzioni religiose o locali devono essere garantiti. Tale obbligo deve essere preso in considerazione per l'applicazione delle pertinenti disposizioni in materia di soggiorno e di viaggio.
8.3. La possibilità per le comunità religiose per limitare l'accesso ai loro siti, nel quadro di auto-somministrazione deve essere garantita in conformità con gli standard internazionali.

Articolo 9
Educazione religiosa
9,1. Le comunità religiose sono libere di istituti di istruzione per le loro esigenze ai sensi della legge in vigore.
9,2. La legge sull'istruzione superiore regolamenta la materia degli studi teologici presso le università.
9,3. Scuole gestite dalle comunità religiose è disciplinato mediante l'applicazione neutra delle leggi pertinenti sono altre scuole private.
9.4. Ognuno è libero di scegliere o non scegliere l'educazione religiosa secondo le convinzioni personali e le credenze. I genitori o altri tutori legali hanno il diritto di determinare l'insegnamento della religione e etica per i loro figli secondo le loro convinzioni o credenze.
9,5. L'educazione religiosa e l'educazione di un minore non può compromettere la sua salute fisica o mentale o di sviluppo.

Articolo 10
Freedom of Information
10,1. Le comunità religiose e le loro istituzioni hanno il diritto, nei limiti della Costituzione e la legge, di pubblicare le informazioni utilizzando tutte le forme di media.
10,2. Le comunità religiose è tenuto a indicare chiaramente il loro nome completo in tutte le pubblicazioni religiose, periodici e altri materiali religiosi, la corrispondenza e avvisi pubblici di attività.
10,3. Le comunità religiose hanno diritto a un equo accesso ai media pubblici.

Articolo 11
Counseling spirituale
11,1. Con l'obiettivo di realizzare la libertà religiosa, le autorità pubbliche adottano provvedimenti
per garantire la disponibilità di assistenza spirituale negli ospedali, nelle aree di custodia o
prigionia, come pure negli istituti di assistenza sociale.
11,2. Ministri religiosi sono esentati dal dovere di testimoniare in procedimenti dinanzi
le autorità pubbliche ei tribunali di legge per quanto riguarda fatti o circostanze che
appreso nel corso della loro consulenza spirituale.

Articolo 12
Questioni finanziarie
12.1. Le questioni relative ai dazi doganali, tasse e per quanto riguarda le comunità religiose è disciplinato dalla legge in vigore.
12.2. Le istituzioni delle comunità religiose sono esenti dall'obbligo di pagare le tasse o altri contributi generali, con particolare riguardo ai seguenti:
(A) Luoghi di culto, altre proprietà o parti di proprietà delle comunità religiose che hanno come scopo diretto la realizzazione di convinzioni religiose o credenze, tra cui il benessere e gli obiettivi di beneficenza;
(B) Le attività che hanno come scopo diretto ed esclusivo la realizzazione di convinzioni religiose o credenze tra cui il benessere e gli obiettivi di beneficenza, e
(C) Seminari o altri stabilimenti per la formazione dei ministri religiosi o insegnanti di educazione religiosa.
12,3. Le comunità religiose conservano il diritto di proprietà, il possesso e il godimento delle loro istituzioni, fondazioni, oggetti sacri e fondi destinati ai
culto, istruzione e welfare.
12,4. Le comunità religiose possono ricevere un finanziamento dal reddito della loro proprietà, dalle successioni e donazioni, dai contributi volontari di beneficenza ed altri, nonché svolgere altre attività in conformità con la legge in vigore.

Articolo 13
Prestazioni sociali
13,1. Il clero delle comunità religiose godono del diritto di assicurazione sanitaria pensione e altri diritti in base alla legge in vigore.
13,2. Per la realizzazione delle loro attività religiose, le comunità religiose possono entrare in rapporti giuridici e concludere contratti con il personale religioso e di altri
dipendenti. Il personale religioso e gli altri dipendenti, con il quale la comunità religiosa ha concluso le attività, realizzare i loro diritti in virtù dei rapporti di lavoro e il lavoro svolto, in modo simile ad altri lavoratori subordinati.
13.3. Partecipanti regolari delle scuole religiose e le facoltà religiose hanno il diritto di salute dei loro diritti di sicurezza, le prestazioni familiari, la pensione e l'assicurazione invalidità, i diritti di assistenza sociale e diritti di traffico pubblico, con le stesse modalità e termini realizzati dai partecipanti delle scuole pubbliche e facoltà.

Articolo 14
La presente legge entra in vigore dopo l'adozione da parte dell'Assemblea del Kosovo alla data della sua promulgazione da parte del Rappresentante Speciale del Segretario Generale.
Legge n 02/L-31 _____________________
13 Lug 2006 Presidente della Kolё dell'Assemblea Berisha
NAZIONI UNITE NAZIONI Unies
Interim delle Nazioni Unite Missione d'Amministrazione
Intérimaire Administration Mission des Nations Unies au
in Kosovo Kosovo
© FM-QL

 

Trascina file per caricare