Print Friendly, PDF & Email

Il provvedimento è disponibile nelle seguenti lingue:

ODLUKA O IZMJENI KRITERIJA ZA PROGLAŠENJE DOBARA NACIONALNIM SPOMENICIMA

 

Na osnovi člana 36. Poslovnika o radu Komisije za očuvanje nacionalnih spomenika, Komisija za očuvanje nacionalnih spomenika, na 8. sjednici održanoj od 6. do 12. maja 2003. godine, donijela je

 

ODLUKU
O IZMJENI KRITERIJA ZA PROGLAŠENJE DOBARA NACIONALNIM SPOMENICIMA

 

I

U Kriterijima za proglašenje dobara nacionalnim spomenicima («Službeni glasnik BiH», br. 33/02), u tački II.A.Vremensko određenje, riječi i brojke: «do kraja XX stoljeća» zamjenjuju se riječima i brojkama: «do 1960. godine».

 

II

Odredba tačke I ove odluke primjenjuje se na sve objekte koji se nalaze na Privremenoj listi nacionalnih spomenika Bosne i Hercegovine (“Službeni glasnik BiH”, br. 33/02) i na sve objekte za koje je podnesena peticija za proglašenje nacionalnim spomenikom, a za koje do dana stupanja na snagu ove odluke Komisija za očuvanje nacionalnih spomenika nije donijela konačnu odluku.

Odredba tačke I ove odluke neće se primjenjivati na objekte koji su rehabilitirani u skladu sa Zakonom o provedbi odluka Komisije za zaštitu nacionalnih spomenika uspostavljene prema Aneksu 8. Općeg okvirnog sporazuma za mir u Bosni i Hercegovini (“Službene novine Federacije BiH”, br. 2/02 i 27/02, «Službeni glasnik Republike Srpske», broj 9/02 i «Službeni glasnik Brčko Distrikta Bosne i Hercegovine», broj 2/02).

 

III

Ova odluka stupa na snagu danom donošenja i objavit će se u «Službenom glasniku BiH» i službenim glasilima entiteta i Brčko Distrikta Bosne i Hercegovine.

 

Obrazloženje

Komisija za očuvanje nacionalnih spomenika primila je veliki broj peticija za proglašenje dobara nacionalnim spomenicima, od kojih se veći broj odnosi na objekte koji su sagrađeni nakon rata, a ne na one koji predstavljaju značajno, vrlo staro i ugroženo naslijeđe. Shodno tome, Komisija je zaključila da, s obzirom na ugroženost spomenika koji su stari i više stoljeća, odnosno neugroženost spomenika za koje se podnose peticije, u toku svog petogodišnjeg mandata razmatra samo one spomenike koji su nastali u toku bosanskohercegovačke historije do 1960. godine. To ni u kom slučaju ne znači da kada navedeni spomenici budu zakonito inventirani i kategorizirani i kada budu poduzete neophodne mjere zaštite kojima će se spriječiti njihovo uništavanje, Komisija neće donijeti odluku o pomjeranju vremenskog okvira i otvoriti mogućnost većeg hronološkog obuhvata zaštićenog naslijeđa u Bosni i Hercegovini.

Ovom odlukom je predviđeno da se za objekte i cjeline koji su sagrađeni nakon 1960. godine na mjestima srušenih nacionalnih spomenika i rehabilitirani su u skladu sa odredbama Zakona o provedbi odluka Komisije za očuvanje nacionalnih spomenika uspostavljene prema Aneksu 8. Općeg okvirnog sporazuma za mir u Bosni i Hercegovini, ne primjenjuje utvrđeni vremenski okvir kao ograničenje pri donošenju odluke Komisije.

U slučajevima kada se radi o izuzetno vrijednim djelima savremene umjetnosti ili arhitekture koja su nastala nakon 1960. godine, Komisija će slučajeve razmotriti i uputiti preporuku službama zaštite naslijeđa na entitetskoj, regionalnoj ili lokalnoj razini da te spomenike zaštiti u skladu sa odgovarajućim zakonima.

 

 

Broj: 01.2-6-792/03

6 maja 2003. godine Sarajevo

 

Predsjedavajuća Komisije

Amra Hadžimuhamedović

DECISIONE SULLE MODIFICHE AI CRITERI PER LA DESIGNAZIONE DI PROPRIETÀ COME MONUMENTI NAZIONALI

 

Sulla base dell'articolo 36 del regolamento di procedura della Commissione di preservare monumenti nazionali, la Commissione per la salvaguardia monumenti nazionali, alla 8 ^ sessione tenutasi dal 6 al 12 maggio 2003 la Commissione ha adottato la

 

DECISIONE
MODIFICA DEI CRITERI PER LA DESIGNAZIONE DI PROPRIETÀ COME MONUMENTI NAZIONALI

 

I

I criteri per la designazione di proprietà come monumenti nazionali ( "Gazzetta Ufficiale", senza 33/02.), Nella clausola II.A.Vremensko definizione, le parole e le cifre: "entro la fine del XX secolo", sostituite dalle parole e cifre: "fino al 1960. anno".

 

II

La fornitura della clausola I della presente decisione si applica a tutti gli oggetti che si trovano sulla lista provvisoria dei monumenti nazionali della Bosnia-Erzegovina ( "Gazzetta Ufficiale", n. 33/02) e su tutti gli oggetti per i quali la petizione è stata depositata per designare un monumento nazionale, e per che fino all'entrata in vigore della presente decisione, la Commissione per preservare i monumenti nazionali non ha preso una decisione definitiva.

La fornitura di punto I della presente decisione non si applica alle strutture che sono riabilitati in conformità con la legge sull'attuazione delle decisioni della Commissione di preservare monumenti nazionali, istituita ai sensi dell'allegato 8 dell'accordo quadro generale per la pace in Bosnia-Erzegovina ( "Gazzetta Ufficiale della Bosnia-Erzegovina", n. 2 / 02 e 27/02, "Gazzetta ufficiale della Repubblica di Serbia", n ° 09/02 e "Gazzetta ufficiale della Brcko Distretto di Bosnia-Erzegovina", 2/02).

 

III

La presente decisione entra in vigore il giorno della emissione e sarà pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale della BiH" e gazzette ufficiali delle Entità e Distretto di Brcko della Bosnia-Erzegovina.

 

SPIEGAZIONE

La Commissione per preservare monumenti nazionali ha ricevuto un certo numero di petizioni per designare proprietà come monumenti nazionali, di cui il maggior numero si applica alle strutture che sono state costruite dopo la guerra, ma non a coloro che sono importanti, molto vecchio e il patrimonio in via di estinzione. Di conseguenza, la Commissione ha concluso che, data la vulnerabilità dei monumenti che sono monumenti antichi e nel corso dei secoli, e neugroženost che inviano petizioni nel corso del suo mandato di cinque anni prende in considerazione solo quei monumenti che sono stati creati nel corso della storia bosniaca al 1960. Questo in ogni caso non significa che, quando questi monumenti sono legalmente inventariati e suddivisi in categorie e quando vengono prese le necessarie misure precauzionali che impediscano la loro distruzione, la Commissione non prenderà una decisione sullo spostamento il lasso di tempo e aprire la possibilità di una maggiore portata cronologica del patrimonio protetto in Bosnia-Erzegovina .

La decisione prevede che gli oggetti e le entità che sono state costruite dopo il 1960 nelle aree distrutte monumenti nazionali e riabilitati in conformità con le disposizioni di attuazione della decisione della Commissione di preservare monumenti nazionali istituiti a norma dell'allegato 8 dell'accordo quadro generale per la pace in Bosnia -Erzegovina, non si applica arco di tempo determinato tale restrizione nella decisione della Commissione.

Nei casi in cui si tratta di un molto pregevoli opere d'arte o di architettura che vengono creati dopo il 1960 contemporanea, la Commissione esaminerà il caso e fare una raccomandazione per l'entità tutela del patrimonio, regionale o locale per proteggere questi siti in conformità con le leggi vigenti.

 

No: 01.2-6-792 / 03

6 maggio 2003 Sarajevo

 

Presidente della Commissione

Amra Hadžimuhamedović